sabato 8 gennaio 2011

ALTO ADIGE - BENVENUTI IN PARADISO

Per tre estati di seguito, tra la metà e la fine luglio, la mia miserrima settimana di ferie l’ho trascorsa in Paradiso, in Alto Adige.
Adoro la montagna, soprattutto d’estate.
Adoro la felpetta o il maglioncino alla sera.
Detesto le estati umide che, da un po’, torturano la mia città; quella cappa che ti impedisce di respirare, di traspirare, come se avessi un sacchetto di plastica sulla faccia.
L’Alto Adige, le sue montagne, i suoi parchi, la simbiosi uomo natura, l’assoluto rispetto ed il silenzio, mi rigenerano.
Ogni anno temo sempre che sia l’ultimo perché mio marito, ex ufficiale di marina e velista, morirebbe senza il mare…ma per il momento mi è sempre andata bene (forse perché, sotto sotto, piace un po’ anche a lui).
Chiacchere a parte, vorrei, in tre parti, aprirvi i cancelli del mio Paradiso.
Non seguirò, però, l’ordine temporale, ma il mio cuore.
Devo fare una piccola premessa, di non poca importanza.
Dovete sapere che un celiaco non può permettersi di andare dove vuole a meno che non voglia trascurare quel piccolo dettaglio che è il mangiare senza stare male.
Le nostre vacanze, molto scarse purtroppo, comportano sempre una ricerca accurata.
Prima decidi dove ti piacerebbe andare (e di posti ce ne sono tanti), poi guardi sul prontuario se ci puoi andare (e non sempre è possibile).
L’Alto Adige, invece, ti offre un’ampia scelta.
Moltissimi alberghi sono informati sulla celiachia, fornendoti un servizio ed una competenza impeccabile.
Con questo post vorrei iniziare una nuova rubrica di recensioni degli alberghi che mi hanno ospitato…e nutrito.

2 commenti:

  1. Grazie per la visita contraccambio..anche per me questa estate e' stata tuta in montagna in trentino lo abbiamo girato praticamente tutto..uno spettacolo e un'accoglienza turistica accurata...piacere mio

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...