domenica 20 febbraio 2011

FOCACCIA "SARVEGA"

In genovese, “sarvega” significa selvaggia, ed è il nome che merita questa focaccia per il semplice fatto che è stata fatta un po’ a caso…a occhio, tanto per cambiare.
Questo è il risultato, questa è la ricetta.

INGREDIENTI
una busta da 500 g de “il pane di Anna” farina di mais
150 g  “Brot Mix Dunkel Schar”
500/600 ml  di acqua  ½ cubetto lievito di birra
sale, olio di oliva q.b.



Nel miscelatore (io non ho il Bimby, ma il Kenwood…costa mooolto meno!) mettete le farine, il sale (io ne ho messo 2 cucchiaini), un filo d’olio, il lievito sciolto in una parte di acqua intiepidita.
Parlando dell’acqua, aggiungetela poco per volta in modo da regolarvi la quantità.
Io ho iniziato ad impastare con il gancio per poi terminare con la K.
L’impasto deve risultare semiliquido, tipo yogurt, quasi fosse una torta.
Mettete il tutto in un bel tegame capiente, considerando che, una volta lievitata, raddoppia il volume, leggermente oliato e lasciatela a lievitare nel forno spento per almeno 3 ore.
La cottura è parecchio lunga, almeno un paio d’ore a 160 -180 gradi.
Si forma una bella crosta dorata e, all’interno, rimane parecchio morbida.
Io ho fatto la classica prova dello stecchino e, ad un certo punto, ho quasi pensato non cuocesse più!
Comunque, visto il risultato, non mi posso di certo lamentare.
Oltretutto è rimasta perfettamente morbida e per nulla gommosa i giorni successivi.

14 commenti:

  1. Molto bella! Sembra soffice soffice! Un bacione Tinny :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao! particolare, soffice e gustosa questa focaccia! ideale per l'ora dell'aperitivo eh?!?
    baci baci

    RispondiElimina
  3. Adoro la focaccia! E questa è squisita!

    RispondiElimina
  4. grazie Tinny, per le belle parole :-)) anche io il ken e mi ci trovo di lusso! questa focaccia è molto bella, come la si accompagna? la si mangia così tipo pane? bravissima e baci :X

    RispondiElimina
  5. Figurati, assolutamente sincere, davvero. Questa focaccia la si può mangiare come si preferisce; il sale non è molto, può essere perfetta con la marmellata...o con una bella fetta di salame (preferisco il salato!).

    RispondiElimina
  6. La focaccia ci piace tantissimo, la tua è perfetta!
    Bacioni!

    RispondiElimina
  7. Evviva, evviva! L'aspettavo con ansia. La provo sicuramente! Usando il lievito secco, quanti grammi devo metterci? Penso che vada bene una bustina, no? Complimenti, un bacio

    RispondiElimina
  8. Mi cogli impreparatissima! Non ho mai usato il lievito secco, ma direi che una bustina sia più che sufficiente anche perchè, 1/2 panetto non è moltissimo.

    RispondiElimina
  9. Quindi basta impastarla solo una volta? Benissimo! E mi piace l'aggiunta della farina di mais :-)

    ciao
    A.

    RispondiElimina
  10. Ha un'aria molto golosa con la mortadella deve essere ottima!! Bravissima

    RispondiElimina
  11. E' davvero semplicissimo prepararla ed essendo un impasto semiliquido, una volta messa nel tegame, basta solo aspettare che raddoppi di volume, senza reimpastare. Il tempo di cottura ovviamente è relativo, dipende dal forno. Ieri l'ho rifatta ed ho aggiunto un filo d'olio appena ha iniziato a solidificare in superficie...meglio!

    RispondiElimina
  12. Ho provato la farina Agluten per fare la pizza ed è successo la stessa cosa, l'indomani era ancora bella soffice e buona... inosmma ora non i rimane che preparare questa focaccia!

    RispondiElimina
  13. proprio da provare!e farcire con tanta mortadella!!!:)deliziosaaaa!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...