domenica 29 maggio 2011

SE C’E’ DA BAGNARE IL GIARDINO…

Oh, allora…chi mi segue (sempre grazie!) sa che ho un giardinetto.
Molto carino, devo aggiungere, ampliato l’anno scorso dalla mia ex amica.
Tante piantine, tanti fiorellini, ortensie prese e spostate perché di qui patiscono un po’, di lì meno e crescono meglio perché c’è l’ombra, vasoni di camelie (mio papà è il signore delle Camelie…), gardenie, azalee…Tutto molto bello…peccato che le devi anche bagnare sennò, povere bestie, ti si afflosciano e muoiono che non è bello no.
Mio marito, l’ingegner Ciccio, progettò e realizzò negli anni, con vari ritocchi e ritocchini, l’impianto di irrigazione, “limitandosi” al prato, ai vasoni sulla piazzetta (non tutti) ed alle aiuole nuove.
Il suo compito è finito lì.
Il suo super cervello, una volta partorito l’impiantuccio, sistemate le centraline e programmato gli orari, magicamente si spegne, non monitorando neppure le piante per accertarsi che sia sufficiente.
Da una parte meglio perché io che, come dice la stratosferica Fausta, sono una rmpczz, non mi fido mica…senza offesa, ma, lui bagna da cittadino impaziente  del tipo  un picosecondo di “spisciuello”,  una pisciatina che la pianta urla dalla disperazione perché la illudi di una bella bevuta…e invece no! Ahahah, scherzetto, te la faccio passare veloce come una lippa, che le tue radici con le loro zampine non ce la fanno proprio ad afferrarla, proprio no.
I primi tempi ho provato a spiegarglielo, con calma e dolcezza, giuro…
“Ciccio, devi bagnare per più tempo, te lo devi menare (termine scientifico di ampio utilizzo).”
“Ho bagnato! Il vaso cola!” stizzito.
“Il vaso cola perché la terra è talmente asciutta, che non trattiene niente devi…vabbè, guarda, lascia perdere, bagno io!”
Così è stato.
Quando torno a casa a pranzo, controllo le mie creature e bagno.
La mia ex amica, un giorno tutta presa dal ruolo mi fece notare quasi con aria schifata che bagnare nelle ore più calde non va bene.
La mia risposta diplomatica fu “Lo so, ma uno bagna anche un po’ quando c’hà il tempo…”
Stavo pensando di controllare il contratto di noi Farmacisti, magari oltre al permesso di allattamento, esiste anche quello per l’irrigazione nelle ore corrette…chiederò alla mia collega.
Così esco, bagno e torno, no?

Un tempo il Ciccio tentò di bagnare al tramonto (è l’ora correttaaa?), ma venne aggredito da sciami di zanzare e pappataci che lo resero un ponfo fucsia con notevole rottura di coglioni alla sottoscritta come se li avessi radunati io ed istigati contro di lui con urla di incitamento…
Quindi bagno io…
Tra l’altro una pianta che sta appassendo, per me che ho una spiccata sensibilità, mi fa un effetto tremendo, vedi la totale impossibilità a reagire, il subire senza nessuna via d’uscita…a me inquieta.
Quindi bagno, allago, spruzzo, chiacchiero, mi complimento con quelle che stanno fiorendo, le saluto…forse questo non lo dovrei dire, forse no…
Il prato “subisce” l’impianto d’irrigazione del Ciccio.
C’è un punto, da anni, vicino al marciapiede che, puntualmente, secca.
“Ciccio, guarda che secondo me l’impianto lì non va bene, non ce la fa, il prato sta seccando, magari c’è da regolare il piscillo che spruzza come un gaiser incazzato, ovunque tranne lì.”
“Guarda che ho controllato, li l’acqua ci arriva.”
“Si, magari non a sufficienza…”
“Sarà l’erba che è così.”
Sarà l’erba che è così cosa vuol dire??
Che si diverte a seccare o che fa casino, si agita tutto il giorno, perciò si asciuga prima??
Quindi, bagno anche un po’ lì.
Un paio d’anni fa, colpa mia ovviamente, credevo ingenuamente che la zona “impiantata” fosse a posto e perciò davo un rapido sguardo e mi concentravo a  dissetare tutto il resto.
Poi, forse attratta da gemiti soffocati, un giorno, l’occhio mi cadde sulla griglia in fondo al giardino abitata da bellissime bignonie.
Panico.
Quasi prive di senso si tenevo abbarbicate alla griglia, incoraggiandosi l’un l’altra, nella speranza, forse, in un po’ di pioggia . I loro bellissimi fiori rosa erano talmente appassiti che le api erano imprigionate al loro interno come in una pianta carnivora, ronzando all’impazzata e stramaledicendo l’impianto del Ciccio.
“Dobbiamo uscire di qui, l’Ape Regina se non rientriamo in orario, ci fa un culo così…”
Presi al volo la manichetta e bagnai…bagnai finchè non ripresero i sensi.
Alla sera, rientrata dal lavoro alle 20,30, con due gambe così e due balle così, dopo un paio di esercizi di respirazione, affrontai mio marito.
“Scusami, ma le bignonie  erano tutte appassite, c’è qualcosa che non va nell’impianto!”
Sguardo di sufficienza.
“Ciccia, funziona tutto, fa un po’ più caldo..”
“Fa un po’ più caldo una fava, erano quasi morte! Ti dispiace darci un’occhiata, scusa?”
Lui è meraviglioso, perfetto per quel 90%, ma quel 10 ti fa incazzare come una belva.
Parte sempre dal presupposto che io esageri o gli rompa per sport i coglioni, così, perché mi va.
Gli metto l’ansia, mi dice…
Come quando insistevo che, sempre secondo me, il combinatore della centralina del sistema d’allarme non andava e lui “no, è un problema di segnale, un po’ prende un po’ no! Dai su!”
Dai su, quando mi chiamarono i Carabinieri in farmacia facendomi gelare il sangue per secondi interminabili, l’ansia ce l’avevo un po’ io o no?
Comunque, la mattina dopo senza che io gli chieda più niente, lo vedo che va a vedere.
Apre, controlla, tucchigna, schiaccia, gira, richiude.
Silenzio.
Alla sera, a tavola gli chiedo:”Hai guardato l’impianto?”
Eh si che l’hai guardato, ti ho visto.
“…Si.”
“Allora?”
“Ma no, niente…aveva le batterie scariche…”
….
Oltre a non far finta di bagnare al tramonto per paura di essere aggredito dagli insetti, non può neppure più stare seduto in giardino, perché le bignonie si staccano dalla griglia e lo prendono a schiaffoni…
Per la cronaca, da quella volta, controllo tutti i giorni che ‘sto cacchio d’impianto faccia il suo lavoro.

Questa pasta la dedico a tutte le mie “colleghe di mariti meravigliosi che però al posto del prato, meglio una colata di cemento” e che dopo aver bagnato il giardino all’una (!!!) rientrano di corsa per fare comunque un buon sugo che ai loro mariti piace proprio tanto, ne?

INGREDIENTI
250 g penne “Le Asolane”
6 pomodori piccadilly belli maturi
6 code di gamberi
1 seppia pulita e tagliata
1 cippollotto fresco
1 zucchina

In una padella mettete l’olio extrav. E fate rosolare bene il cipollotto tagliato a rondelle.
Aggiungete i gamberi, la zucchina tagliata a cubetti, i pomodorini tagliati e fate andare finchè quest’ultimi non rilasceranno il sugo.
Mettete la seppia e cuocete finchè non diventerà rosina.
Salate, pepate o impeperoncinate, come preferite.




Un ringraziamento alla dolcissima Lenia  che mi ha donato questo premio.
Come ho già avuto modo di dire, lo giro, virtualmente, a tutti i blog che seguo e che mi seguono.
Siete diventati parte integrante di me, ogni giorno mi accompagnate rendendomi meno difficile e noioso il quotidiano. Grazie ancora Lenia.


37 commenti:

  1. Eh si cara,anch'io ho il giardino,ma senza fiori quest'anno perchè l'anno scorso i cani me l'hanno tutti spiantati e quindi tra cani e fiori abbiamo scelto i cani...abbiamo optato per fiori,erbe aromatiche e addirittura una pianta di pomodori...in vaso!!!E che dire di questa ricettina veloce ma saporitissima? Brava e complimenti!!Buona settimana!Maria

    RispondiElimina
  2. mi fai morire coi racconti del ciccio...mamma mia Tinny che buona, il sugo fresco con i gamberi è il mio condimento preferito in assssoluto....ne? che sto a dieta da ieri (sob, gulp!) e sto sbavando sul tuo blog, ti pare giusto fare ciò ad un'amica?!?! beh me la voglio pure io che giro in tondo per i miei blog preferiti e mi infliggo da sola una pena masochista, perchè devi sapere che faccio i dolci, ma mangio salato, tutto quello che è salato non lo "controllo" pasta pane pizza capisci che è ora che sto a dieta?!?!? Aiutateme.... un bacio e la prossima pasta che mi concedo è questa! la copio da te. Un abbraccio e buona serata (io ceno con un tristissimo hamburger!!!!) pensami mucho.

    RispondiElimina
  3. Anche il mio è al 90%... ma quel 10 è proprio il concentrato dell'insopportabilità!!!

    RispondiElimina
  4. Tinnyyyyy ti prego scrivi i test per zelig!!! ma io ti immagino proprio a fare ste sceneggiate comiche... senza di te la blogosfera sarebbe troppo noiosa :-)) la pasta è squisita, tu di più, bacioni molto ridenti e affettuosi..ps. ieri da Schaer con Elenuccia ti abbiamo pensata :))

    RispondiElimina
  5. Grazie della dedica, questa pasta è quindi per me che posseggo un "marito meraviglioso che però al posto del prato, meglio una colata di cemento”.. Lo scorso w-e l'ho veramente massacrato...il maritino facendogli togliere le erbacce e rinvasare le piante fuori misura..nn ne poteva più, ne ha risentito per tutta settimana eh, eh!
    bacio

    RispondiElimina
  6. Tu sei fortunata, pensa se avessi bisogno di far bagnare le piante al mio "ello"..magari perchè ho tutte 2 le manine "imbragate"....consoliamoci, c'è sempre qualcuno che sta peggio di noi.
    La seppiolina che diventa "rosa" rende il post molto romantico pur col "turpiloquio" :-D
    Un baseto!!

    RispondiElimina
  7. il piatto è ottimo, ma il racconto è da morire dalle risate; immagino il maritino che scappa inseguito da ogni bestia tramontifera accompagando con grida più o meno forti il calar del sole. Tinny sei unica nei tuoi racconti. Fossi in te farei un bel libro
    Baciotto

    RispondiElimina
  8. ciao cara Tinny, senti, ma sei sicura che sia proprio io che ti do della rmpczz? No, sai, perché a me non risulta proprio, tutt'al più della rmpcgln. Eh, quello sì! Capisco bene il perché la tua amica sia diventata, nel tempo, "ex". Mi sa tanto che un po' di sano rompimento lo pratichi anche con lei. Sano per te, sia chiaro! Questa povera cerca di insegnarti come vanno fatte le cose - bagnare per benino, all'alba o al tramonto (forse non sai ma le scuole di pensiero sono due, alba o tramonto, appunto, e sembra che se le diano di santa ragione) e tu la ripaghi facendo spallucce (perché sono SICURA che le hai fatto spalllucce! ancorché col sorriso sulle labbra); pensare che la povera ti ha anche aiutato ad ampliare il giardino. Quanto al Ciccio è veramente un brav'uomo... pronto a sopportare tutto, per amore. E devo dire, quando l'amore c'è, si vede. Questo bel piattino che ti ha preparato con tanta perizia e maestria è veramente il segno che ti vuole bene. Dopo questo gesto dovrai perdonargli tutto, persino l'impianto che funziona un po' si e un po' no, persino le bignonie assetate, persino i suoi momenti un po' pressapochistici, persino la sua "voja de bagnà, saltame addosso".
    Ciao carissima, un po' rmpcgln è vero... ma simpatica!

    RispondiElimina
  9. Ah no il mio ha un buon pollice verde ed è molto paziente, contrariamente a me che in giardino sono una frana!!Però in quel 10% si concentra la sua intolleranza verso i gerani, che non ne vuole proprio sapere di innaffiare..!! Insomma i gerani sopravvivono grazie a me e di questo sono stra-felice!!Buona la pasta con il pesce!!Baci.

    RispondiElimina
  10. Sei una comica nata :).
    Io ho affrontato il problema alla radice (è proprio la giusta espressione!): ho poche piante da gestire per cui il poco tempo a disposizione sono in grado di dedicarglielo. In più, cosa da non trascurare, ho un marito che da quando abbiamo il giardino si è scoperto un perfetto giardiniere e va alla grande. La gestione dell'innaffiamento è affar suo e lo fa con piacere la sera, si rilassa. Sabato sono stata alla manifestazione della Schar e al mio rientro mi ha fatto trovare delle bellissime margherite sulle fioriere delle ringhiere: ma si può avere un maritino così? E' adorabile, ma se gli do un'incombenza che non gradisce...la fa in tempi biblici e sbuffando. Ciccia, questa pasta è spettacolare, mi da delle indicazioni che seguirò. Complimenti per le penne e per il meraviglioso giardino!

    RispondiElimina
  11. come al solito mi hai fatto morir dal ridere!
    anch'io parecchio, sia rmpczz che rmpcgln, ma con affetto, non sia mai ;-)

    RispondiElimina
  12. E allora qui siamo tutte rmpczz e rmpcgln però...non lo eravamo mica tanto prima di esserne costrette no? Il mio rimanda sempre tutto, come devo fare??? E' il tipico motto dei romani: "Non rimandare mai a domani quello che un altro può fare dopodomani". Dovevo sposarmi a Bolzano :)
    Un bacio e continua così!

    RispondiElimina
  13. *))Makenia: i cagnetti sono peggio dei caterpillar!
    *))Monica: brutta cosa la dieta, ma poi passa, dai..anche il vino ti sei levata? Con la tua bella rubrica sarebbe proprio un sacrificio. Un bacione.
    *))Fantasie: bè, un pò mi consoli, grazie!
    *))Soniuz: troppo buona...anch'io vi ho pensate tanto...un bacione.
    *))Elena: hai fatto troppo bene a torturarlo...è l'unico modo per avvicinarli al giardinaggio!
    *))Libera: okay, hai ragione...la seppiolina rosa è carina, vero? Un bacione.
    *))Stefania: grazie...la realtà, scherzi a parte, è che se c'è una bestia in giro, va proprio a pungere lui...sangue buono! Un bacio.
    *))Fausta: allora, io non ho mai fatto spallucce in vita mia perchè essendo una Lady, alcune cose non sono proprio nel mio uso. Per quanto riguarda la mia ex amica non commento...sei sempre la solita insensibile!
    *))Amichecuoche: pazienza per i geranei, ma che fortuna per il resto, tutta la mia invidia! Un bacione.
    *))Ciccia: marito perfetto, che bello eh? Ma anch'io non mi posso proprio lamentare! Vi ho pensate tanto, un bacione!
    *))LaGaia: eh già! Per principio rmpczz, rmpcgln, scssmn...e fermiamoci, va? Un salutone.
    *))AnnaLisa: meraviglioso il motto, posso usarlo?! Un bacione.

    RispondiElimina
  14. maròò che aspetto succulento! me ne posso prendere un pochino anch'io? eh sì perchè di sicuro nn sono oggetto della dedica: meglio che mi sto zitta che se nn ci fosse mio marito quei bei gerani gonfi, numeri uno di tutto il palazzo quest'anno, manco esisterebbero....va bè fischietto e faccio la vaga :-)ciao Tinny!

    RispondiElimina
  15. Buon giorno,comica della blogosfera!Il tuo piatto e favoloso!Un bacione da zante,carina!

    RispondiElimina
  16. Ed io che per divertirmi tra quattro mura di cemento faccio balconaggio! Visto che di giardino per fare giardinaggio non ne ho *_*
    L'innaffiata spetta a me, povere creature fosse per lui sarebbero stecchite... fiori e piante secche, si ma in vaso però!

    Baci e questa sì che la voglio replicata appena arrivi *_*

    RispondiElimina
  17. Bellissimo blog, complimenti!!!! Olga

    RispondiElimina
  18. OPS... scusa LADY! Non le avrai fatto spallucce... ed allora magari hai alzato l'arcata sopraccigliare destra in segno di riprovazione, il che è un po' la stessa cosa. L'ex amica avrà capito e sarà filata via con la coda tra le gambe, ferita a morte.
    E' proprio vero che: dagli amici mi guardi dio che dai nemici...

    RispondiElimina
  19. Che ridere il tuo racconto. Hai poi verificato se il contratto prevede le ore per l'innaffiamento?
    Buona, buona, buona la pasta con i gamberi!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  20. I loved the introduction to your recipe. The pasta sounds wonderful and I would love to try this dish. I hope you have a great day. Blessings...Mary

    RispondiElimina
  21. figliola... sei sicura di stare bene?

    RispondiElimina
  22. *))Acky: fortunata non sai quanto...tu ed i geranei!
    *))Lenia: grazie carissima, anche a te!
    *))Ti: te la replico sì, non vedo l'ora!
    *))Olga: grazie, davvero. Vale anche per il tuo! A presto.
    *))Mmmmm1): la narice, è più chic...non se l'è data, si è volatilizzata!
    *))Giovanna: no, purtroppo non lo prevede...mannaggia!
    *))Mary: thank you so much!
    *))Mmmmm2): no, per nulla...è molto evidente, vero?...

    RispondiElimina
  23. Adoro i piatti di mare, il tuo deve essere super buono, complimenti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  24. cara Tinny, perdonami, ma concordo con l'ingegner Ciccio bagnare le piante è proprio una palla! La pasta è superlativa! Baciotti Helga e Magali

    RispondiElimina
  25. Mooolto evidente, mia cara sciura. Me ne rammarico, come vedi non sono così cattiva... solo un po' perfida, a volte!
    Un baciotto

    RispondiElimina
  26. *))Alda&Mariella: grazie, siete sempre gentilissime.
    *))Pat: okay, ti perdono, ma al Ciccio non lo dico che ha una sostenitrice!
    *))SignorinaFausta: non ho mai detto che sei cattiva...hai un bruttissimo carattere, questo sì.

    RispondiElimina
  27. ...pessimo. La parola corretta sarebbe: pessimo!
    (oh Signùr, come faranno a sopportarmi i "miei" non si sa! Dei santi, davvero! Dei santi...)
    Siamo sicuri che queste famose pere non te le stia già facendo?

    RispondiElimina
  28. che lo si sappia bene in giro: prometti e NON mantieni!
    Amen, starò senza narghilè.

    RispondiElimina
  29. spe che mi sto ancora sganasciando!!!! A parte il fatto che io ho il pollice nero, mi potresti inviare un carico di camelieeeee (le ho cercate per mare e monti per fare delle foto e ho dovuto cambiare fiore ma non sai che rabbia...e tu ne hai a bizzeffe???) Bella quella pasta là..sto sbavando!

    RispondiElimina
  30. *))Pessima: i tuoi ti sopportano solo perchè sei brava a cucinare...non te lo volevo dire, ma...
    *))Moltopessima: per il tuo santissimo, fosse l'ultima cosa che faccio, ma te lo trovo!
    *))Caris: figurati! Mio papà ne avrà più di cento, molte innestate da lui...il problema è che, probabilmente, avevano già fiorito e quindi ciccia...peccato.

    RispondiElimina
  31. ... ma l'hai detto! Se c'è una cosa che mi fa nczzr è questa piccola "insignificante" frasetta: sai, non te lo vorrei dire, ma...
    Allora, dico io, se VERAMENTE non vorresti dire non alludere neanche!
    Quanto al narghilé, spero proprio che non sia l'ultima cosa che fai, vèh!
    Moltopessima passa e chiude... fra un po' planerà a lettuccio!

    RispondiElimina
  32. Tinny grazieeeee. Ora non ho tempo ma domani leggo bene il tuo post che vedo già "movimentato" dalla prof... nel frattempo tu
    vieni a trovarmi a casa mia, c'è un contest sul cioccolato ideato dal Maestro Cioccolataio Mirco Della vecchia. Saremo contenti se tu partecipassi. Ciao

    RispondiElimina
  33. Post molto divertente e primo piatto da leccarsi i baffi!!!
    Buon we

    RispondiElimina
  34. Oh my god! Leggendo il tuo commento da me mica avevo capito che tu e Fausta stavate a questo punto! Qui la situazione sta peggiorando! Si salvi chi puó!! ;-) Hihjiihihuuhuhu

    RispondiElimina
  35. *))...: ora che lo so la userò mooolto più spesso!
    *))Meris: grazie. L'ho letto, da me c'è un suo negozio...molto valido. Complimenti per l'idea.
    *))Laura: grazie mille, anche a te.
    *))Acky: guarda, so che non fa piacere trovarsi coinvolte in certe situazioni, ma, ormai, è irreversibile la cosa purtroppo...

    RispondiElimina
  36. oh belìn, ma quanto sei strz! (struzza!)

    RispondiElimina
  37. Bellissime queste penne, e nel racconto dell'innaffiatore mi ci sono rivista.. ;-) Le similitudini dei nostri orsetti, un po 90% un po 10% ;-)
    Sono approdata a questo post, dai tuoi 7 links. Quando lo pubblicasti, il mio blog aveva solo pochi giorni e non ci conoscevamo ancora!

    ps pure io sono stata invitata al project ma ho declinato ultimamente ho troppo poco tempo e come te non amo molto i contest!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...