domenica 12 giugno 2011

LA FARMACISTA, QUESTA TERRORISTA….

Ahhh, che bello, faccio un lavoro davvero stimolante che mi dà un sacco di soddisfazioni….
Non è proprio una balla intera, davvero, facciamo mezza dai.
Come ho già avuto modo di dire, se fosse possibile, dovremmo fare un reality show da noi perché, davvero, ci sono dei momenti semplicemente esilaranti.
Dalla signora anziana, poverina, che, senza occhiali, ti si infila dietro ai banchi con la mia collega che la segue passo passo chiedendole :”Dove va signora, dove vaaa?”, a quella che tocca qui e tocca lì, ti fa cadere la bottiglia di succo di aloe (proprio l’unica di vetro eh?) e pure tutta risentita e stizzita alla mia bocca aperta con un vago “Maa?”, ti ringhia “Guardi che è colpa vostra, l’avete messo in un punto pericoloso!”…Sì, peccato che per tucchignare ti sei quasi infilata dietro da noi e se quella bottiglia, piccina, era messa in equilibrio instabile, proprio lei e si disintegra con un bel botto, la colpa è vero, è solo la nostra….che ti facciamo ancora entrare, però!
Ma si sa, il cliente ha sempre ragione…e ritiene anche, molto spesso, che tu sappia leggere nel pensiero.
“Senta, stamattina non mi ha dato le siringhe!”
“Me le ha chieste, signora?”
“E no!”
“….”
“Sono venuta a ritirare il farmaco che prendo per la pressione che ieri non avevate!”
“Qual è signora?”
“Ah, se non lo sapete voi, quello che prendo io, no?!”
“….”
Poi c’è il cliente che quatto quatto ti spacca il colluttorio, ma tu non te ne accorgi perché magari c’è casino ed i colluttori sono all’ingresso e allora lui che fa ?
Ti dice che l’ha rotto? E tu: “No, no, non si preoccupi, lasci pure che pulisco io (porca di quella stramaledettissimatua….!!!).

No, no, affatto.
Esce quatto quatto e lo butta ancora pieno nel bidone dei medicinali scaduti che inizia a gocciolare sporcandoti tutto il pavimento di marmo che si appiccica che è un piacere, con tutti che ci zampetteno dentro, no?
E tu pulisci (ma porca di quella…..).
Poi c’è il signore bene di un'altra regione, tutta una firma, con la moglie che ha la scogliosi e la gobba da quanti bracciali, anelli, orecchini ha addosso, che fa la posta al kukident per fregarselo.
E tu ti metti proprio lì e lo fissi.
Lui gira la colonna, guarda gli spazzolini, rigira e torna indietro, ma tu sei sempre lì che lo fissi.
E chissà quanti ce ne ha fregati prima…però.
C’è poi quello che tutte le volte che viene, in qualunque mese dell’anno, si deve proprio soffiare il naso mentre lo stai servendo e ti urla “Non ce l’avete un cestino qui?!”
E tu:”Il cestino è fuori.”
E lui che fa? Si rimette il fazzoletto smaccaronento in tasca? No, no, te lo butta per terra e se ne va…e tu lo raccogli…
Quanta pazienza, signore mie.
Poi, e questa è di stamattina, c’è quella che ti chiede il test di gravidanza che ti dice se è maschio o femmina…
“Mi scusi?”
“Si, si, l’ho sentito da qualche parte che l’hanno fatto!”
“No, io ho solo quello che ti dice chi è il papà e se andrà bene a scuola…”
…Ma basta un po’!
Senti così tante str…
Ma la realtà è che tu sei una subdola manipolatrice, tu inganni, menti e, sotto sotto, tenti di uccidere, di mietere continuamente vittime.
Tu sostituisci apposta i farmaci, cambi dosaggi, così tanto per divertirti.
“Signora il Pincopallo è mancante da due settimane, l’azienda non sta consegnando in tutta Italia, le posso dare il Pallopinco che è identico, stessa molecola, stesso dosaggio, stesso numero di pastiglie, così non rimane senza farmaco e può continuare la terapia…”
“Ma, E’ SICURA?”
“No, signora, affatto, non sapevo cosa dire, passo di qua per caso, e, così, mi andava di dirle così!”
“No, perché sa, il mio dottore mi ha detto che non è possibile che non stia arrivando!”
“Va bene, allora dica al suo dottore che glielo vada a prendere lui, no? Col suo bel macchinino…”
“Ma, è un farmaco importante, mi serve per la pressione…”
“Lo so, lo so, io invece pensavo di dargliene uno per l’asma, così. Oggi ce ne avanzano un paio  e così cerco di darlo un po’ a tutti perché dietro, tutte quelle scatoline, ci fanno un po’ disordine….”
E delle scadenze ne vogliamo parlare?
“Quando scade?”
Tu ti rigiri la scatolina “Ottobre 2013, signora.”
Questa storce il naso “Ma non ce l’ha che scada un po’ più in là!”
Ma se tu vai a comprare un litro di latte che scade dopo tre giorni al massimo, lo bevi prima o lo lasci lì per 20 giorni, aspettando che ti venga a svegliare la mattina o che si suicidi lanciandosi con rincorsa nel lavandino?
“Scade tra più di due anni, signora, sono venti pastiglie, ne deve prendere 2 al giorno…”
“No, no.”
No, no cosa che se vogliamo essere anche pignoli lasciami dire che sei anche una gran ottimista dal momento che hai più o meno 85 anni…eddai!
Ma vi lascio con questa che racchiude il senso della nostra subdola disonestà.
C’è un multivitaminico molto famoso, di cui non faccio il nome, ottimo prodotto, chiuso in un barattolino carino.
Lo consiglio ad una signora…
Due giorni dopo torna con quel bel barattolino…
“Senta, ma lei mi ha venduto una cosa pericolosissima, deve stare attenta a metterci dentro certe cose, che se uno le ingoia e si soffocaaaa?”
“Scusi?”
Lei allunga la mano e mi sbatte sotto il naso…
Avete presente quei bei cilindretti di pastica mooolto diversi dalle pastiglie da ingoiare che servono per impedire che il contenuto di quel bel barattolino prenda umidità?...
La verità è che, ogni tanto, la farmacista terrorista, oltre a scambiare i farmaci, si diverte a manomettere le confezioni sigillate e riempirle di cilindretti di plastica, sperando, haimè invano, che la cliente preferita ci si soffochi…
Dopo questo lunghissimo preambolo, ho deciso di offrirvi questa bella insalata.
Ma chissà cosa ci avrò messo dentro?
State mooolto attente, masticate tutto molto bene e a lungo, ai primi accenni di crampi allo stomaco contattate il centro antiveleni e recatevi nel Pronto Soccorso più vicino.
Se poi siete le titolari del blog “Caffè col Cioccolato”, non credo che ne abbiate il tempo.


INGREDIENTI

1 kg di fagiolini surgelati
2 uova sode
2 cipollotti freschi
2 tranci di ottimo tonno sott’olio
2 etti di formaggio Quartirolo
Olive taggiasche a piacere.

Mettete a bollire i fagiolini in acqua salata e, da parte le uova….ho come una visione confusa di qualcuno che mi spiega come fare le uova, ma non riesco bene a focalizzare…
In una padella mettete un filo d’olio e fate appassire bene i cipollotti tagliati a rondelle.
Quando i fagiolini saranno morbidi, scolateli e metteteli nella padella facendoli andare a fuoco vivo per far prendere bene loro il gusto dei cipollonzoli.
Non sono in grado di dirvi quanto tempo ci metta un uovo a diventare sodo; generalmente io metto a freddo e dopo che l’acqua bolle, conto 15 minuti, spengo e lascio finchè non raffredda.
Rendendomi perfettamente conto di essere molto approssimativa e superficiale, vi rimando al blog della Signorina Fausta, persona estremamente cordiale e saputa, che sarà sicuramente felice di illustrarvi il metodo corretto per solidificar  l’ ovetto…
Nel frattempo, tagliate a quadrotti il formaggio, il tonno, e sciacquate le olive dalla salamoia.
Aggiungete i fagiolini una volta raffreddati e “gli ovi” una volta rassodati, preventivamente sbucciati (la Signorina mi farebbe immediatamente notare la omissione…ma essendo una fine attentatrice…) e tagliuzzati.
Rimescolate bene il tutto senza condir con altro olio, poiché lo fagiolino con lo tonnetto, sufficientemente ammorbidiranno codesto contornozzo.


33 commenti:

  1. ehhhh??? Qualcuno sta parlando di MEEEE, per caso???
    No, per caso non credo proprio! Gli è che (ma quanto mi piace 'sta frase! Era un secolo che attendevo di poterla usare); beh, gli è che qualche signora (via, chiamiamola signora per educazione) quando non sa a chi remenare i cabasìsi si rivolge alla sottoscritta. Pure a sproposito, a quanto pare. L'ovetto di mia conoscenza era fritto (ah, quanto "fiato" sprecato a cercare di insegnarle a cucinare un SEMPLICE-OVETTO-FRITTO!) e non sodo; dovrò mica illustrarle anche la differenza tra le due preparazioni? L'ABC, signori miei, l'ABC! Neanche quello (oh Signùr, quanta pazienza, e sì che è pure farmacista, un po' di alchimie dovrebbero esserle note!). L'uovo sodo, mia bella signora, lo dice il nome stesso, è duro! Ecco, il perché sia duro quello non ci è dato sapere; che la gallina che l'ha prodotto sia un po' "dura" anche lei? Non sappiamo, ma poiché siamo in tema posso ben affermare che c'è anche qualcun'altra che è affetta da una tale sindrome. Dura, sì, porella, di comprendonio!
    Oh beh, a ben vedere qualche merito ce l'ha, la guagliona; questa bella insalata "di rinforzo" e via a nanna. Uovo, tonno e fagliolino e non rompi più il beli...

    RispondiElimina
  2. l'importante è condire tutto con ottimismo!!!:D quando si ha a che fare con il pubblico è sempre così!una mia amica neo farmacista, andata a lavorare nella farmacia di famiglia, ha raccontato di come i clienti pensino che sia lei la causa dell'aumento del ticket!!!:D forza e coraggio!

    RispondiElimina
  3. La signora sottoscritta, sa benissimo a chi remenar li cabasisi, ma preferisce remenar li vostri perchè l'allegra e la sollazza molto di più. Gli è che, uovo, tonno e fagiolino, lo rompo eccome il beli...

    RispondiElimina
  4. ha ha ha troppo troppe siete! cara Tinny, tornando a te pensavo: perchè non appunti tutte le stupidaggini che senti al lavoro e poi ci scrivi un opuscolo tipo "una vitamina al giorno toglie l'idiota di torno"? l'insalata è ottima ma tu lo sei di più :))) e poi sta cosa del cliente che ha sempre ragione l'ho sempre trovata una mega cavolata detta da chi dietro il bancone non c'è stato mai! quindi futtiTìnny e continua come fai tu, bacioni cari :XX

    RispondiElimina
  5. Simpatico il racconto...ma buona l'insalataaaaaaaaaaa! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  6. o madonna!
    mi solleva che tu non abbia parlato di quella che va in farmacia con due pargoli al seguito, che si mettono a ciacciare e aprire tutte le confezioni in vista, e magari le mescolano anche... no... perché... quelli sarebbero i miei figli.

    dov'è che hai la farmacia? ;-)

    bella l'insalatina...

    RispondiElimina
  7. dovresti farne un libro raccolta di tutte queste tue avventure carissima tinny, troppo divertenti.

    bella l'insalata, baci e buonanotte

    RispondiElimina
  8. Che simpatico il post, mi dispiace per te che sicuramente non lo vedrai tanto comico!!!
    Bella e buona la sfiziosa insalata!!!
    Baci, baci

    RispondiElimina
  9. ... ecco, appunto, me n'ero accorta...
    Ma si dà il caso che gli è (sia) che:
    tonno, olive e cipollotto
    il beli... me l'hai rotto!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  10. Quanto pagherei per vedere queste scene!
    Mi diverto quando racconti le tue giornate in farmacia. Non hai mai raccontato però dei clienti che davanti il bancone improvvisamente si sfibbiano i pantaloni o aprono la camicetta per farvi fare bene la diagnosi e per trovare qualche medicamento che il dottore non è stato in grado di prescrivergli. Quelli sono i miei preferiti. A me capita che qualcuno mi chieda di ispezionare una narice per scoprire il motivo della continua rottura di un capillare: io sono una biologa marinaaaaaaaaaaaaaa. Essere biologi non significa essere tuttologi!!!

    RispondiElimina
  11. Nooo quello del fazzoletto gettato a terra!!!L'avrei massacrato!!Che maleducazione ragazzi!Tu, per me, cara Tinny sei terapeutica!!!Adoro i fagiolini!Buon lunedì!

    RispondiElimina
  12. Sto ancora ridendo! Meglio riderci su, perchè ci sarebbe da dire, quanta ignoranza, stupidità, maleducazione, impera.
    Tu sei veramente molto paziente!
    Che buona la tua insalata.
    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  13. *))Spunti&: Ma dai, pensavo fosse colpa mia!
    *))Soniuz: ci abbiamo provato, ma non ce la fai, purtroppo. Nemmeno io ho mai pensato questa cosa del cliente, ma mi adeguo, purtroppo. Bacioni.
    *))Silvia: grazie!!
    *))La Gaia: ahahah, non te lo dirò mai! Guarda che son tremenda!
    *))Stefania: non è così semplice, a volte sono talmente fulminee le scene che non fai in tempo a memorizzarle tutte, purtroppo. Un abbraccio e grazie!
    *))Laura: grazie cara, a volte ti fai dei mega inczz, ma anche delle risate da correre in magazzino per non farti vedere!
    *))DonnaUovo: gli è che è frantumato...il mio!!! Anche a te, neee??
    *))Ciccia: non hai idea di quello che ci fanno vedere...
    *))Amichecuoche: quello lì è uno che quando entra ti innervosisce all'istante, se posso cerco di svicolarlo perchè mi dà proprio i nervi! Un bacione.
    *))Giovanna: mediamente si, sono paziente, maci son dei giorni...grazie cara, un abbraccio.
    *))

    RispondiElimina
  14. un mito una leggenda sei Tinny, simpaticissima ma come fa tuo marito a resisterti! sei troppo ironica e arguta mi fai sempre sorridere, mi dispiace che ti accadano davvero però queste seccature che sul lavoro rendono pesantissima la giornata, .... è tutto chiaro per l'ovetto sodo?!?!?!? un bacione grande-....

    RispondiElimina
  15. Your job sounds very interesting. Your salad sounds delicious. I hope you have a great day. Blessings...Mary

    RispondiElimina
  16. Secondo mio marito, io sono la cliente ideale: compro tutto quello che mi propinano, uso tutto in tempo utile (leggasi in un fiat, che magari poi non c'ho tempo... e non ho 85 annni), non guardo le scadenze e ciò che è peggio nemmeno il prezzo... però quando arriva l'estratto conto, son contenta, perché chi può dire che ho comprato sciocchezze in farmacia?
    P.s. Il mio pargolo n. 3 che mi ha accompagnato l'altro giorno in una scorribanda in farmacia, dopo che avevo detto di no all' acquisto di un giocattolo di 39 euro, mi ha cantato al canzone, "mamma, mormora la bambina..." ssostenendo che io compro cose per me e non medicinali in famracia...

    RispondiElimina
  17. Come si può commentare da te? Qui si deve venire munite/i di biglietto, possibilmente per un posto in prima fila, sedersi comode/i con un bel pacco di pop corn ed aspettare che inizi il "teatro"..un tempo qui da te, il secondo tempo da Fausta..o viceversa secondo le giornate....detto ciò, ti auguro una bella giornata in mezzo agli scaffali di integratori così ti "ricarichi", bacio....e i fagiolini? beh..loro sono "le comparse" :-D

    RispondiElimina
  18. sono piegata dal ridere.. sègnatele queste, che potresti scriverci un libro per il buonumore, tipo "io speriamo che me la cavo"!!
    Ne ho alcune anch'io con i clienti del negozio, relative ai mobili e non mancano mai di avere un certo successo qunado le racconto :D
    Bella l'insalata, giusto perando che arrivi un po' di caldo ;)

    RispondiElimina
  19. Tinny, mai capitato chi usa le supposte per via orale?

    RispondiElimina
  20. Ciao dalla Spagna VIGO ... Amo la incontrare e conoscere meglio le vostre ricette .. voi e vi invito a condividere le mie ricette e blog .. saluti MARIMI

    RispondiElimina
  21. Che bel racconto!Bravissima come sempre,cara Tinny!Il tuo contorno mi piace moltissimo!Un bacione!
    p.s.continua a farci ridere:))))

    RispondiElimina
  22. Ma lo sai che ormai ogni volta che vado in farmacia...mi limito a chiedere quello che mi serve e scappo via????
    Mi stai inibendo ^-^

    RispondiElimina
  23. Io un reality show come quello che hai appena accennato, lo vedrei eccome ^_^
    scene divertenti, paradossali che di tanto in tanto (leggendoti ormai mi hai distolta) osservo anche quando mi trovo in farmacia sottocasa ^__^
    Mi fermo di proposito, salto il turno, parlo con la farmacista che mi ha vista crescere pur di restare qualche attimo in più e beccare un folle in azione *_*

    Tinny-na mi hai deviata e pure ingolosita, con la tua insalata!!

    RispondiElimina
  24. ...ecco, vedi, mi hai distolta :P mica distorta

    (click - termine onomatopeico per indicare un "ok, passo e chiudo e la smetto di somigliare alla tua vecchietta 85enne ottimista")

    ^___^

    RispondiElimina
  25. ch'aggio fatto! Quel bicchiere è VERAMENTE soffiato a bocca da un artigiano francese! Di Biot, per la precisione, vicino a Cannes. La cittadina è famosa per i vetri artigianali e questi bicchieri li vidi fare di persona (non come a Venezia che vendono vetri di Murano fatti in Cina!). Ti posso anche dire che ne ho spaccato ben due prima di capire che non erano temperati ed il passaggio acqua calda/acqua fredda gli faceva maluccio...
    CONTENTA???
    Ma guarda te se devo anche giustificarmi...

    RispondiElimina
  26. *))Monica: grazie cara, ma ci divertiamo anche, sul serio!
    *))Mary: thanks!
    *))Fantasie: l'importante è aver fiducia...ma le scadenze guardale sempre...
    *))Libera:sempre troppo carina, un bacino.
    *))Cinzia: credo che di aneddoti divertenti ne abbia chiunque faccia un lavoro a contatto col pubblico...la gente è stranaaa.
    *))Zucconcello: si, purtroppo...
    *))Garlutti: grazie, piacere di conoscerti.
    *))Lenia: sempre dolce...
    *))Anna Lisa: inibisciti, cara, inibisciti!! Scherzo, io adoro chi mi chiede spiegazioni e consigli, è la parte più bella del mio lavoro.
    *))Tiziana: se non fosse per la privacy...un bacione!

    RispondiElimina
  27. come sarebbe bello se ognuno si facesse gli affaracci propri...

    RispondiElimina
  28. ma daiiiii ma tu sei SIMPATICISSIMA!!!
    ho letto il post tutto d'un fiato e in questo pezzettino:
    “Ma, E’ SICURA?”

    “No, signora, affatto, non sapevo cosa dire, passo di qua per caso, e, così, mi andava di dirle così!”

    giuro che son morta dal ridere da sola!
    cacchio!
    io mi aggiungo immedietamente ai tuoi lettori e se vorrai passare da me a vedere se il mio blog ti piace ne sarei felice ^__^

    p.s. ti stimo proprio!!!
    ^__^

    RispondiElimina
  29. tinny mi contatti perfavore alla mia mail?

    incucinasenzaglutine@virgilio.it

    RispondiElimina
  30. *))Fausta: lo penso anch'io...sissi!
    *))Erica: grazie!! Ho curiosato da te, molto bello...
    *))ValeTork: fatto, in ritarderrimo, scusami.

    RispondiElimina
  31. sbadabammmmmmmmmmmmm sono svenuta dal ridere, ma davvero le persone sono strane...... potresti scrivere un libro, le avventure di una farmacista... consoliamoci con stà bella insalatina, completa e gustosa! baci

    RispondiElimina
  32. Il tuo racconto mi ha fatto morire dal ridere!
    Sai che mia sorella è farmacista? Stessa categoria, stessi racconti, tu però sei più simpatica ...Le farò leggere qualche tuo post almeno si consola...un bacione

    RispondiElimina
  33. *))Ely: ciao cara, grazie. Purtroppo è difficilissimo ricordarsi tutto e rendere a parole quello che succede!
    *))Elena: ciao cara, mi dispiace per tua sorella...scherzi a parte, ci vuole davvero tanta pazienza!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...