giovedì 25 agosto 2011

LA SALSA BARBECUE DEL CICCIO….

Dopo la splendida vacanza in Sicilia, ma, soprattutto, dopo le cene luculliane da codesta fanciulla, il Ciccio tornò con lo sconfinfero del barbecue…
Dovete sapere che, in casa nostra, entrarono due barbecue.
Il primo, piccolo ed indifeso, si scrostò ed arrugginì solo con l’umidità dell’aere notturno; il secondo, regalo di nozze, supermegabarbecue a gas, stile Dallas, con coperchio, pietre laviche, tre fuochi, supporto di legno, in una delle ventolate più violente e pericolose che la mia memoria ricordi, volò in giardino, disintegrandosi in mille pezzi…e sì che tanto leggerino non era.
Da quel momento, il barbecue, fu bandito da casa nostra.
Quando succedono queste brutte cose, non ti senti più, psicologicamente, in grado di affrontare l’argomento.
Poi la grigliata dalla Ciccia, la tecnica di accensione utilizzata, soprattutto, risvegliò nell’Ing. il sacro fuoco, l’istinto primordiale.
Dovete sapere che, per un uomo, il barbecue, è un rito.
Ognuno ha la propria tecnica ed anche se non ha senso e va contro tutti i principi della Fisica, è quella giusta, perché propria.
Tu donna, non puoi dispensar consigli, tantomeno intervenire, perché potrebbe crearsi una frattura nel rapporto praticamente insanabile…puoi solo rintanarti in cucina, preparare la carne ed altre robine buone ed ascoltare gli sbuffi, gli smadonnamenti dell’homo-barbecue.
Poi esci e lo guardi.
Hai di fronte un guerriero reduce dalla battaglia più cruenta dell’intera guerra: in un bagno di sudore, paonazzo, gli occhi iniettati di sangue per l’adrenalina…o per il fumo?...la maglietta verde militare indossata per la situazione, fradicia…i guanti ignifughi degni di un pompiere, completamente neri per il carbone…
E tu :”Hai bisogno?”
E lui, sventolando come un ossesso quel pezzetto di cartone che è fondamentale per la riuscita che fa parte del Kit de “Il perfetto fuochista” :”No, no, grazie, assolutamente, procede tutto benissimo!”.
Quindi che fai?
Nel frattempo  gli ospiti sono arrivati già da mò e, perso presto l’interesse per l’homo-barbecue che si agita nella tipica danza tribale denominata “salto di qui, salto di lì per evitare ‘sto cazzo di fumo che non ho ancora capito come, ma gira sempre nel verso in cui sei!”, si butta su tortillas, patatine, snacks vari e parecchi superalcolici un po’ per far passare il tempo, un po’ perché sono già le 21:00 passate, “c’hò” una fame porca e prima che la brace sia pronta sorgerà il sole…
Ma poi, come d’incanto…o forse stanca di farsi tucchignare e sventolare, la brace s’accende e tu, donna, puoi con passo rispettoso, porgere la carne all’homo-barbeque che con ghigno rabbioso, pieno di soddisfazione, sbatte sulla griglia!
Nota dell’autrice: la descrizione dell’homo-barbecue, benché leggermente colorita, risponde a verità.
L’homo-barbecue in questione, Non è il Ciccio, la precisazione è d’obbligo…
All’involontario protagonista…UN BACIONEEEEEEE!!!

INGREDIENTI
2 cipolle
Olio extravergine di oliva
1 peperone grigliato
Peperoncini freschi piccanti a piacere
Aceto balsamico
Brandy
2 cucchiaini di zucchero di canna
Sale
Pepe

Tritare finissime le cipolle e farle cuocere a fuoco bassissimo con 3 cucchiai di olio per circa 15 minuti. Tagliare a dadini il peperone grigliato e spellato ed i peperoncini (a piacere) e aggiungerli alle cipolle. Continuando la cottura aggiungere lo zucchero di canna, l’aceto balsamico e il cognac. Aggiustare di sale e pepe. Togliere dal fuoco e passare tutto al minipimer fino ad ottenere una crema omogenea. Buon appaetito!


23 commenti:

  1. Ho riso a crepapelle, ma nel contempo la folgorante verità: dall'epoca delle caverne poco è cambiato per l'homo barbequianus. Anche allora saltellava qua e là cercando di evitare il fumo del fuoco accuratamente conservato dalla donna-capelli lunghi (eh già, per facilitarne la locomozione manuale da parte del suddetto homo)....

    RispondiElimina
  2. ma che carina questa salsa e poi dalla foto sembra consistente....
    L'homo barbecue esiste pure in pianura padana.... stessa tipologia... gli etologi hanno studiato comportamenti simili a quello ligure! bacioni!

    RispondiElimina
  3. Grande! Questi siciliani c'hanno proprio la fissa del barbecue! Pensa che il marito della mia amica Rossella è un fanatico sul serio...conosce tutte le tecniche per cuocee qualsiasi cosa si muoveva (o si muove ancora) e di ogni dimensione. Il mio ing. si è molto interessato all'argomento ma non credo che metterà mai in pratica gli insegnamenti! Ti dico solo che siamo rientrati con un canale di coccio degli anni 60 sul quale pare si cuoce divinamente. Purtroppo giace ancora inutilizzato in giardino!

    RispondiElimina
  4. mi sembra di vedere all'opera il mio vicino di casa che in pieno rispetta i canoni dell'homo barbecue essendo anche titolare di una rinomata macelleria!
    saluti

    RispondiElimina
  5. DEVO DIRE CHE LA CARNE COTTA AL BARBECUE è TUTT'ALTRA STORIA.... L'HOMO BARBECUE E' COME VEDERLO QUI IN FOTO, IMMANCABILE E INSOSTITUIBILE! UN BACIO

    RispondiElimina
  6. *))Zuccon: proprio vero. Un bacione.
    *))Elena: la salsa, per me troppo piccante, era davvero buona. spazzolata tutta fu dai commensali. Credo che l'homo barbecue esista in ogni Galassia! Bacione.
    *))Marcella: è verooo, anche il vicino di Elena! Che forti che sono. Interessante il vostro acquisto...lo puoi riciclare in vaso?? Un bacione.
    *))Cose di lino: caspita, immagino le supergrigliatone! Un abbraccio.
    *))Monica: ciaoooo, bentornata! E' proprio vero, a me piace da morire, mangio da far le bolle! Un bacione.

    RispondiElimina
  7. Le lacrime hanno totalmente sciolto il trucco che sarebbe dovuto stare sul mio viso almeno fino alla timbratura di uscita!!
    Annuncio pubblicamente che l'homo barbecue in questione è MIO MARITO!!!!
    Disgraziatella che non sei altro, sei troppo simpatica!! Lo hai descritto alla perfezione!
    Ti manca una novità:
    abbiamo comprato l'accendi-carbone, un aggeggio ultramoderno che ha portato tanta serenità alle nostre cene con grigliata :DDDDD
    Aspetto la telefonata del mattino e gli dico di collegarsi al tuo blog. Vediamo un po' che reazione ha e poi ti dico. Mi fai morire Tinny :DDDDDDDDDDDDD
    Un bacio ciccina, ti voglio bene

    RispondiElimina
  8. Troppo da ridere *_*
    Ognuna di noi ha un homo-barbecue diverso, eppure ugualeeeeeee!
    Il mio suda da fare impressione, sbraita internamente e sbuffa più di una pentola a pressione. Sventola la paletta per attizzare il fuoco con una tale violenza che si fa venire le bolle ^___^ ma quando finisce sospira, rimira il risultato, mangia a più non posso e ad ogni boccone desidera l’apprezzamento dei commensali per la magnifica cena… e, come se non bastasse, puzza di selvaggio che è un piacere!

    Baciuz cara e ben ritrovata,

    RispondiElimina
  9. Ho riso troppo... hai descritto meravigliosamente e perfettamente l'homo-barbecue, bravissima... la salsa ai peperoni è una delizia. Baci

    RispondiElimina
  10. w l'uomo barbecue e w la salsa!!!!!

    RispondiElimina
  11. mamma quanto ho potuto ridere!! guarda...pagherò la prossima volta per godere lo spettacolo dal vivo! ma mannaggia avoi! un filmino no?? avete idea di quanto impazzerebbe su youtube?! ha ha ha sei stratosferica!

    RispondiElimina
  12. e infine fu il barbecue! chi la dura la vince e il ciccio l'ha vinta, la prossima volta invitate pure me

    RispondiElimina
  13. Quanto ti amo!!! Ma sto "cazzo" (per usare il tuo linguaggio da "gran dama" né!) di feed mi si aggiorna o no? Tra poco sarà Natale e questo post lo vedo solo ora...ma va bene così, avevo proprio voglia di farmi una sana risata :-D

    RispondiElimina
  14. più veritiero non potrebbe essere !!!ahah..davvero fantastico! E' lui l'homo barbecue! Ti avviso che presto un barbecue entrerà nella notsra casa! :(((((

    RispondiElimina
  15. Bellissima! La figura dell'homo barbecue è mitica. Tinny sei formidabile!

    Baci

    Giovanna

    RispondiElimina
  16. M'hai fatto morire!!!
    Mi sembrava di vedere il mio di Ciccio con la paralisi al braccio destro per il troppo sventolare la paletta che gli si è pure crepata fra le possenti mani primitive :)))
    E i bambini mangiarono arachidi e patatine senza glutine!
    Ma so' tutti uguali 'sti omini??
    Mi sei tanto tanto mancata :)

    RispondiElimina
  17. *))Ciccia: chissà perchè, ma mi sa che il super aggeggio non aiuterà...
    *))Tiziana: probabilmente hanno tutti frequentato lo stesso corso. Un abbraccio.
    *))Donatella: grazie, davvero. La salsa merita proprio.
    *))Salamamnder: concordo!
    *))Sonia: sai che credo che ci sia sul serio il filmino?? Censura.
    *))Stefania: ok! Un abbraccio.
    *))Libera: ciaooo cara. Non so perchè succedono queste cose, è una menata! Bacino.
    *))Caris:...condoglianze...!!!
    *))Giovanna: grazie!
    *))Cooksappe: piacere di conoscerti!
    *))Anna Lisa: ma è vero, credo che siano davvero tutti uguali...inquietante, eh? Un bacione!

    RispondiElimina
  18. In un'era passata, in una landa desolata vagava l'homo barbeque senza una meta ma con un unico pensiero per la testa: ma 'sto cazzo de foco, perchè l'ho inventato?". La sua lungimiranza gli fece guardare oltre...notti insonni lo pervasero, tonnelate di stigghiola (tipico preparato di carne arrosto siciliana che è meglio non descrivere oltre)lo deridevano e centinaia di fiorentine succulenti si esibivano in una lap dance attorno ad uno spiedo. Tutto questo perchè...perchè una stra...zzo di carbonella non vuol saperne di "partire" (si conceda l'uso di un termine prettamente tecnico).
    Oggi l'homo barbeque troneggia di fronte ad una brace che arde in ben dieci minuti. Danze tribali miste a sudore, fumo e imprecazioni sono parte del passato. Il mito del super uomo si "spegne", depone le armi al cospetto di un nemico invincibile: un piccolo, insignificante cilindro di acciaio brucia millenni di tecniche e filosofie di arrostite.
    E' difficile ammetterlo ma è bastato poco (appena 30 euro) per eclissare tanta eccellenza.
    Adesso sono un "homo nuovo", ho deposto la clava ed ho abbracciato il mio cilindretto di acciaio!
    Un fortissimo abbraccio per te "Tinny" e per Ettore. Con affetto Ago.

    RispondiElimina
  19. Troooppo forte.Da ridere dall'inizio alla fine senza respiro.La salsa davvero molto gustosa.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  20. Gentil donzella, il mio linguaggio sarà testè forbito e non inneggerà ad attributi a noi noti ma ostici...Alla di Lei domanda rispondo così: la bacca di cardamomo contenente 3 o 4 semini (tre o quattro) viene aperta e, dopo aver delicatamente estratto i semi si pestano leggermente nel mortaio..in Liguria lo conoscete il "mortaio" quel "coso" di marmo dove si pestano assieme basilico, aglio, pinoli e sale (qui in sequenza casuale)? Ecco, quello...Si mescolano i semini al cafè e si procede al solito, io, essendo di origini prosaicament occidentali uso la moka classica quella di "Carmencita" per intenderci. Ciao Maria, un abbraccio :-D

    RispondiElimina
  21. Il "piccolo, insignificante cilindro d'acciaio" non ha soltanto bruciati "millenni di tecniche e filosofia di arrostite": in realtà dopo l'avvento delle femministe è stata un'ulteriore dura mazzata all'atavismo dell'homo barbequianus. Abituato da circa 50,000 anni ad assicurare le bistecche & Co ora si trova disoccupato ed inutile. Non lo si vorrà mica riciclare ad "homo brodinicus/semolinicus" o peggio? Eh già, non è più il mondo di una volta.

    RispondiElimina
  22. Elenuccia/Ago.....e c'hai perso tempo!!! manda a quel paese millenni di evoluzione e tieniti stretto il cilindretto :DD

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...