lunedì 21 novembre 2011

Dice il saggio ...

Ognuno di noi nasce con pregi e difetti.
Molti sostengono che la maggior parte dei comportamenti, siano frutto del nostro DNA.
Nasci intonato, col senso del ritmo, con doti artistiche che, nel corso della vita, puoi migliorare, sfruttare.
Ovviamente parlando dei lati positivi, perché, spesso…molto spesso, erediti delle magagnette, difetti, brutto carattere che, nel corso della vita, puoi migliorare…assai.
Ci sono compulsioni, ad esempio, che ti fanno quasi rasentare la “ridicolaggine”, perché, dall’esterno, con occhio obiettivo e sereno, chiunque ti potrebbe dire:”Ma cosa ti ostini a fare??”
La risposta è: non lo so, credo di aver bisogno di aiuto a questo punto.
Ma non è così semplice smettere.
Nessuno di voi ha un brutto vizio, una mania, un qualcosa che lo obblighi, praticamente tutte le domeniche a ricadere, tentare??
Andiamo, è ovvio che è così, dai!
Io soffro della “Sindrome della Faustidda”.
Dicono che fare outing sia il primo passo verso la luuunga strada della guarigione.
Ammetti di avere un problema…okkei, fatto.
La “Sindrome della Faustidda” sta iniziando a suscitare notevole interesse nell’ambiente medico-scientifico perché estremamente rara (è ovvio, sottolineo io) e che costringe chi ne è affetto, a scopiazzare impunemente le sue ricette.
La tragedia è che, oltre al disagio psicologico che comporta, costringe anche il malato e, di conseguenza chi gli è vicino, a rimpinzarsi di dolci perché sono l’unica cosa che questa posta…e  che forse sa fare…con tutte le gravissime conseguenze che comporta dal punto di vista salutare.
Troppo zucchero fa malissimo, si sa.
La medicina non ha ancora trovato una risposta al problema anche perché, purtroppo, non avendo a disposizione molti soggetti, non è in grado di iniziare un vero protocollo di sperimentazione.
Io  gli ho detto di no,  insomma…
Non voglio annoiarvi, ho solo bisogno di sfogarmi.
Questa domenica  sono ricaduta ed ora il senso di colpa mi pervade ogni cellulina del mio corpo.
Sto malissimo perché il risultato non è stato per niente soddisfacente e, per una perfezionista come me, il danno si aggiunge alla beffa e non è bello.
Queste dovrebbero essere le sue “Ciambelline al vino rosso”…
Quelle tre o quattro son venute d’accordo…
E’ stato carino il Ciccio che, appena rientrato, le guarda e mi dice:”Amore sembrano degli ombelichi…”
Che tenero, no? perché a me, a guardarle, ricordano  tutt’altro orifizio…
Ma si sa, son sempre la solita…
Dice il saggio:” Cosa ti ostini  a prendere a testate un muro?”
Dice anche “fatti i czzz tuoi”, ma questo in tutt’altre circostanze…
 Che poi, è pure subdola, perché lo sapete che è  astemia, vero???
Ve l’ho già detto che la mia amica psichiatra si è trasferita?...Lontanissima??

Ingredienti:
Ho seguito passo passo la sua ricetta, omettendo l’uvetta.
Ho usato, come sempre la farina BiAglut ed il lievito per dolci A.R.P.A.
…Un consiglio: non usate un bicchiere grosso grosso, ma un bicchiere normale…perché altrimenti passerete la domenica a far ciambelline orifizi…
Alla prossima…forse.



29 commenti:

  1. ma perchè non ti piacciono???? a me sembrano bellissime! E anche la forma...insomma, non ci vedo niente di male se non il fatto che anche io sono presa dal raptus dolciario in questo periodo...ma questa è un'altra storia!
    Ah..le scarpe puoi tenerli..ormai lo so che senza tacchi non puoi far nulla! :)

    RispondiElimina
  2. Non tutte le ciambelle riescono col buco...vero?
    Invece di chiamarle ciambelline perché non le spacci per biscotti, potresti quasi osare dire di non averle copiate da Faustidda!!!! bacionissimi e tutte e due! anzi tre (anche al Ciccio!)

    RispondiElimina
  3. a me ricordano le boccucce pronte ad un bacio.. e a questo punto mi ritorna in mente l'immagine sorta da una frase da un libro di Andrea Vitali "..sul viso prese un'espresssione pensierosa, la bocca a culo di gallina.." e non ho più smesso di ridereeee!
    Io è da un po' che cerco questa ricetta e dalla Fausta mi era sfuggita, dunque grazie alla Sindrome ;))

    RispondiElimina
  4. Anch'io cercavo le ciambelline con il vino. le tue hanno un bell'aspetto. evviva la tua sindrome. un abbraccio e buonanotte. smak

    RispondiElimina
  5. carine le Fasutelle, ehm le ciambelle di Fausta, ma visto da chi hai preso la ricetta si poitrebbe pensare a qualche trucchetto per non farle venire bene a te. Bacionizzimi

    RispondiElimina
  6. Anch'io le trovo bellissime, e soprattutto trovo bellissime le risate che mi fai fare ogni volta che passo da qui :D
    Comunque ha ragione il tuo Ciccio, sembrano degli ombelichi e la cosa è carinissima :)))
    Come hai detto da me (e grazie infinite per l'applauso!) la "banale" farina Biaglut si comporta molto molto bene in moltissime occasioni.
    Buona notte :-*

    RispondiElimina
  7. Per me sono belle ed anche BUONISSIME
    Brava!

    RispondiElimina
  8. L'importante è che erano buone, se te ne sono avanzate un paio, faccio volentieri da cavia e le provo!!
    Buona giornata cara :-)

    RispondiElimina
  9. A me sembrano belle e soprattutto buone!!!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. hahahahah, scusa forse non dovrei ridere, adesso faccio la seria: ma dai che ti sono venute bene (ti sto consolando), hanno un aspetto rustico, fragrante e buono (va meglio così?) ti sei ripresa? vabbè non ti curar dell'aspetto, ma goditi il gusto.
    Baci

    RispondiElimina
  11. Ma perchè dici cosi Ciccia, non ti sto biasimando, dicola verità. A me le tue ciambelline mi piacciono tanto e se me le rifai salga da te per un tè, ecco! tvb

    RispondiElimina
  12. Ma sono carinissime, e soprattutto golosissime! Ne prendo una! ^_^
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. Che buone devovo essere!Un bacione,cara Tinny!

    RispondiElimina
  14. Ma dici che la faustidda è contagiosa?
    Comunque anche a me sembrano ombelichi... ;)

    RispondiElimina
  15. a me sembrano buonissime...allora aspettiamo il 7 links project... baci tesò

    RispondiElimina
  16. Sei sempre la solita esagerata! Questo per sentirti dire che sono bellissime, come la tipa bionda superfiga-coscia ascellare che quando entra in una stanza dice "oggi sono un disastro", solo per sentirsi adulare! Ma superstr...a, non saresti un disastro neanche se una betoniera ti si rovesciasse addosso!!! Ecco, le tue ciambelline sono praticamente perfette, ricordano tanto gli orifizi della superfiga! Sei grande! Pat
    PS. Laudata sia la Faustidda che ti crea dipendenza!

    RispondiElimina
  17. complimenti buonissimi veramente invitanti mi sono aggiunta spero passi a trovarmi

    RispondiElimina
  18. hahahahahahahahhahahahahahah!! non posso aggiungere altro! :XXXX

    RispondiElimina
  19. Belle! A me sembrano perfettamente golose!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  20. Ragazze: grazie come sempre...ma, obiettivamente, un pò orifizi sembrano, dai! Cinzia ha detto la verità! Buone sono buone, soprattutto il giorno dopo perchè diventano belle croccolose.

    Pat: le superfighe non hanno gli orifizi come le comuni mortali, non lo sai???

    Per la cronaca: la Faustidda crea davvero dipendenza, ma come dicono tutti i tossici, di qualunque sostanza abusino "Smetto quando voglio!"...o no??!!
    Un abbraccio a tutte e sempre grazie!

    RispondiElimina
  21. Ha ha, non penso alle Barbie che appunto come hai detto non ne hanno, ma ai miei gatti e - concordo con te - somiglierebbero a quella parte che loro si leccano a vicenda.
    Beh gatti o non gatti, se pensiamo a queste similitudini è perchè il nostro inconscio puro di bambini oramai è corrotto per sempre. E si ritorna al tuo discorso di prima :-)
    fortissima!

    in ogni caso, devono essere mooolto buoni!

    RispondiElimina
  22. ...e chi sarà sta faustidda, poi? Le tue ciambelline mi piacciono assai e comunque, se proprio la vogliamo dire tutta, meglio essere faustidda-dipendenti che "solo" dipendenti (magari di un capo-speziale rompicgln), no?
    Dunque facciamoci ste ciambelline (con 2 "elle"!!!), magari con un bel bicchierozzo di passito (OPS, ma non ero astemia?? ICH!).
    Mooolto buone!

    RispondiElimina
  23. basta che siano buone... dai!

    RispondiElimina
  24. le ciambelline sono belle, e quella sindrome li' e' il pane di noi scrittori di cucina :-)! Se tutti s'inventassero le proprie ricette noi non avremmo lavoro!! hahaha

    ciao e buon fine settimana

    Alessandra

    RispondiElimina
  25. Ogni volta che leggo un tuo post non so cosa aspettarmi......non so dove vai a parare ma di una cosa sono certa: MI FAI RIDEREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Un abbraccio Tinny.

    RispondiElimina
  26. Hai visto? Scrivo per dirti che mi piacciono le tue ciambelline, poi mi fai ridere e mi dimentico di dirtelo.
    MI PIACCIONO!!!!

    RispondiElimina
  27. Love: sono TROPPO uguali ai gatti e che cavolo!

    FAUSTIDDA: ma che bel nome "c'hai"?? Ma sarai tu??
    Hai ragione, meglio essere Faustidda-dipendenti, guarda...anche se non è che si stia troppo bene, ne?? Vada per le Ciam-Beline....

    Vale: buone, buone!

    Alessandra: eh già! Ben venga allora! Un salutone!

    Mariabianca: eheheheh, lo sai che son tremenderrima! Grazie mille carissima, un bacione.

    RispondiElimina
  28. The donuts sound delicious. Blessings, Catherine

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...