domenica 29 gennaio 2012

LA SIGNORA FILOMENA

Nota dell’autore…autrice, che sarei io: il nome è fittizio, ne?

La Signora Filomena Spaccalaminchia tutte le mattine esce di casa alle 8.00.
Qualunque sia il tempo, la stagione, la temperatura.
Si aggira sotto i portici del Centro e sosta un po’ davanti alla porta sprangata dello studio medico.
Attraversa la strada e si sistema sulla panchina di fronte alla Farmacia ed attende.
Tu passi di corsa alle 8.10 per andare a fare la spesa sul mercato, la vedi, svicoli e pensi “Ma che czzzz ci fa già qua a quest’ora???!!!”, perché sai benissimo che ti tocca.
Ritorni carica di sacchetti e lei è sempre lì, sulla panchina, immobile, vecchio cappotto rammendato, beretta di lana e bastone. Un rapido saluto, apri, entri lesta e ti chiudi alle spalle il portone perché, per il mio santissimo, fino alle 8.30 non apro, proprio no!
Nel frattempo le tue colleghe arrivano “Ma che czzz ci fa già a quest’ora sulla panchinaaa??!!”
Alle 8.30 spaccate apri e lei si infila prima ancora che tu finisca di spalancare il portone principale che, per la cronaca, quando è umido, è talmente pesante che rischi di disarticolarti la spalla.
Entra e va al banco.
Tu entri dopo di lei, la risaluti e la servi.
Il marito, invalido della Seconda Guerra Mondiale, prende ogni genere di bomba per l’intestino. La tua mente vaga e tu, inutilmente, cerchi di fermarla, ma caspita, un bel film dell’orrore ci potrebbero girare in quel bagnetto, o no???
“Mi misuri la pressione?”
“Si accomodi.” E le indichi la strada che conosce molto meglio di te.
Si leva il cappotto, lo appende, posa il bastone e si siede sulla sedia azzurra.
Le misuri la pressione: 190-100…
“Ma l’ha presa la pastiglia della pressione stamattina signora? E’ un po’ altina…”
Quell’altino che, anche se fosse un po’ più bassino, a te sarebbe già esplosa la cervella.
“Si, certo che l’ho presa.”
“Beh, allora è il caso che parli un po’ col suo dottore, forse non è più sufficiente.”
Le settimane trascorrono.
“Ma la pressione è sempre alta signora…è sicura di prenderla la pastiglia??” azzardi.
“Eccome!”
“Ma a che ora la prende? Perché la pressione andrebbe misurata almeno due orette dopo, per permetterle di fare effetto, così da vedere se agisce o no…a che ora l’ha presa?”
“Alle tre.”
“Alle tre??”
“Stamattina, alle tre!”.

“C’è che dovrebbe cercare di prenderla un po’ più tardi, alle sette magari? Che dice?”
“Ahhh…”
E così la Signora Filomena Spaccalaminchia torna… e ritorna.
La pressione cala un po’, ma solo un ciccinino, la tua pazienza pure.
Ma una bella mattina, lei si infila dalla pressione, tu aspetti un attimo a seguirla e, scusatemi, ma essendo una signora dotata di una notevole cultura, cito: Dante, Inferno, canto XXI:

“Per l'argine sinistro volta dienno; 
ma prima avea ciascun la lingua stretta 
coi denti, verso lor duca, per cenno;
ed elli avea del cul fatto trombetta.”
….
Tu ti accasci alla parete e schizzi via perché lei è girata di spalle, corri dalle tue colleghe ed esclami:”Orsù, ve ne prego, aiutattemi, spruzzate un alito di Spray all’Eucalipto…” ridendo talmente tanto che le lacrime ti accecano.
Loro ti guardano senza capire, ma quando ti spieghi, capiscono eccome e spruzzano, spruzzano e rispruzzano alle spalle della tranquilla ed ignara Signora Filomena.
Ti ricomponi, asciughi le lacrime e torni sui tuoi passi.
Un bel profumo di Olio Essenziale di Eucalipto ti avviluppola tutta, stuzzicandoti le narici.
Entri nel microstanzino della pressione:”Allora, signora, a che ora l’ha presa stamattina la pastiglia della pressione??”.
Avete idea di quanto guadagna un Farmacista dipendente??...No, non credo…
Alla prossima.

Dopo l’esperienza traumatica della crostata di cac…ao, finalmente, sono ricaduta nella malattia. Ho smesso i farmaci e sono tornate tutte le “magagnette” che la Sindrome della Faustidda comporta.
Malditesta ricorrenti, orecchie che fischiano, giramenti vari (a seconda di come vi è andata la giornata), allucinazioni.
In realtà, questi biscottiddi sono due volte un regalo…inutile spiegarvelo.
Ce ne saranno altri?
Ho proprio paura di si!

TONDELLI RUSTICI…O MEGLIO, TONDELLIDDI.

INGREDIENTI:
230 g farina Biaglut
250 g burro
1 uovo
150 g farina di mais da Prontuario (io Nutrifree)
100 g zucchero a velo
½ cucchiaino lievito per dolci da Prontuario
Mandorline per guarnire.

Impastate tutti gli ingredienti (tranne le mandorle) e, ottenuta una bella balette, fatene tante più piccole più o meno grandi come una noce.
Mettetici sopra una bella mandorlidda ciascuno premendo leggermente ed infornate a forno caldo, circa 180 ed aspettate che diventino belli dorati. Nel mio fornetto, circa una decina di minuti.
Semplicemente goduriosi…come tutti i biscottiddi del resto.


49 commenti:

  1. hai visto cosa è venuto fuori una meraviglia golosissima

    RispondiElimina
  2. Povera signora Filomena Spaccaminchia! Venire da te dà un senso alla sua giornata! Pensa alla sua versione: "Ora mi vesto e vado dalla dottoressa mezza matta che ogni giorno mi dice sempre la stessa cosa. Che pazienza...puzza pure di eucalipto!"
    Consoliamoci con un tondelliddo!
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sei un genio del male...credo tu abbia ragione...e se cambiassi olio essenziale???Un bacione carissima!

      Elimina
  3. ..ed egli avea del cul fatto trombetta.. e già, ma se la prossima volta le dai delle pastigliette alla lavanda, che magari le meteore saranno profumate??
    Meglio un biscottiddo che la Fausta è una garanzia, ne?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio un biscottiddo si, guarda, davvero! Un bacione.

      Elimina
  4. decisamente carucci i tondelliddi, ma domani la signora filomena sarà ancora lì per te? che bello, così puoi risparmiare sul deodorante. baciuzzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' venuta stamattina...bacini anche a te!

      Elimina
  5. Dio che ridere!!!Sei tremenda :))
    Bellissimi i biscottini brava!

    RispondiElimina
  6. La signora Filomena è un classico...ce n'è una per ogni farmacia, non lo sai? Quindi anche cambiare sede di lavoro non varia .....
    I tuoi biscottini sono golosissimi!!!!!Voglio prendere anch'io la Sindrome della Faustidda!!!!!(urlo disperato!!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anch'io che ce ne sia una per e speriamo non si moltiplichino, va? La sindrome della Faustidda è parecchio contagiosa, se se. Un bacione!

      Elimina
  7. Caspita, leggermente altina 190/100... beh forse per un anziano è meno grave??? Dai, che hai già subito all'inizio fatto la prima buona azione della giornata, se non facesse la passeggiata per arrivare da te l'avrebbe ancor più altina ;-)
    Fortissima come sempre!! buona settimana e buoni tondelliddi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggermente meno grave....non ho idea di dove abiti la signora Filomena, troppo vicino sicuramente! Un bacione!

      Elimina
  8. m'inchino di fronte a cotanta cultura e soprattutto di fronte a cotanta pazienza!!!
    sei un mitooooooooo! e passami subito uno di quei biscottiddi, và ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cultura mi esce dalle orecchie (!!!!!?)...quando se ne ha troppa, devi farla uscire perchè sennò ti esplode la cervella! Grazie come sempre, un abbraccio!

      Elimina
  9. Ho santissima la trombetta nooooo :)))))
    e ti credo io che ti serve un buon dolcetto per tirarti su dopo una giornata cosi!
    Bacioni e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ci credevo, son rimasta per una frazione di secondo allucinata! I biscottiddi mi aiutano proprio tanto! Un bacione carissima.

      Elimina
  10. che persona deliziosa la signora filomena. ti invidio proprio per le tue frequentazioni :-)

    per fortuna che esistono queste meraviglie di biscottiddi, per tirarci su di morale!

    solidale sono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, eh? Son molto fortunata, lo so...Questi biscottiddi te li consiglio...come tutti gli altri ad esser sincera, son proprio buoni anche con le nostre farine. Un abbraccio.

      Elimina
  11. Certo che se ne devono sopportare di cose!!!!
    Tinnuzza cara i tuoi tondelliddi sono " magnifici". Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio sì! Grazie carissima, un bacione.

      Elimina
  12. ahahahah, riesci sempre a farmi ridere. Bellissimi i biscottini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa davvero piacere, grazie. Un abbraccio.

      Elimina
  13. Però la citazione di Dante è una chicca non da poco :)) Sei magnifica, anche l'odiato lunedì prende un senso passando da te. Ecco, se poi quei biscuttiddi fossero pure veri e non solo virtuali...Bacioni cara, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, non sapevo come fare per spiegare questo dolce aneddoto! Buona settimana, un abbraccio.

      Elimina
  14. E già, ti conosco io: tutto questa costruzione di racconto solo per sfoggiare la citazione dell'inferno di Dante: MEGALOMANE!!!!
    I tuoi racconti sono sempre uno spasso e ribadisco che sono preoccupata per la tua voglia di biscottini continua. Mi sa che ti sei fatta contaggiare dalla folle postatrice giornaliera di dolci di nostra conoscenza. Deliziosi i biscottiddi. Certo, ogni tanto potrsti fare un bel pacco e spedirmeli, ne?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carizzima, lo sai che sono megalomane, ti ricordi quando l'estate scorsa ti citavo Dante, Leopardi e ti leggevo capitoli dei Promessi Sposi????!!!!!...Non potrò mai raggiungere la follia della Folle Postatrice, è impossibile, lo sai! Un bacione Ciccetta.

      Elimina
  15. ha ha ha!! eri invidiosa della sua trombetta di la verità?!! tranquilla te ne puoi sempre comprare una uguale anche tu e suonate insieme domani mattina quando viene a misurare la pressione :-)) baciuzzi :-X
    ah...i biscotti te li copio neh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto invidiosa, lo ammetto. Falli, sono squisiterrimi! Un bacione carissima.

      Elimina
  16. "Che pazienza che ce vò!" direbbe mia nonna, comunque complimenti io non sarei riuscita a ricompormi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso garantirti che ho fatto una gran fatica, davvero! Un abbraccio.

      Elimina
  17. Ti sono venuti bellissimi!Bravissima come sempre!Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre gentilissima, un bacione!

      Elimina
  18. mi sai dire perché il mio gatto perde tanto pelo???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I gatti perdono il pelo in situazioni di grave stress. Essendo prigionieri, non potendo uscire, avendo dei nomignoli assurdi di cui si vergognano atrocemente, l'unica valvola di sfogo, oltre a far dei buchi nei materassi, sperando di nascondersi per tutta la vita, è perdere il pelo.

      Elimina
  19. mi sai dire perché il mio gatto perde tanto pelo???

    RispondiElimina
  20. Santa, ti faranno Santa!!!
    Ma quante ne devi sopportare? Ma anche il gatto della Fausta ti aspetta sulla panchina con la Sciüra?
    I biscotti sono bellissimi!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Credo anch'io, non considerando tutto quello che devo sopportare da Pastina. Il gatto della Fausta mi manda messaggi di S.O.S.....povera bestiola...Un bacione a te!

      Elimina
  21. Un giorno o l'alto m i farai venire un colpo...quando leggo i tuoi post, mi sembra di esser li' e mi fai talmente ridere, forse perché ricordo con dolore mortale quanto sia duro e terribile lavorare al pubblico. LA tua ironia ti salva, aspetto presto libro "la vita meschina di una farmacista" che ti assicuro comprero' immantinente! Sei un mito, Pat

    RispondiElimina
  22. E' vero, solo chi sta al contatto col pubblico si può rendere conto. Ma quanto rompe i c...gl...la gente??? Potrei pensarci sul serio al libro! Un bacione carissima!

    RispondiElimina
  23. ciao Tinny! ha ha se abita vicino allora dovrebbe venire 2 volte al giorno per fare più movimento!!!
    ...hai ricevuto un premio sul mio blog quando ti va passa a trovarmi!

    RispondiElimina
  24. Tinny sei bravissima! Dietro ai tuoi racconti divertentissimi ed esilarante c'è una persona pazientissima e gentilissima. Davvero!
    I biscottini sono deliziosi, arrivo col tè?
    Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  25. ... brava, brava, rigiriamo sempre il dito nella piaga...
    Ciccio, per favore, sta cavolo di parola di controllo...

    RispondiElimina
  26. Ciao Tinny,la rucola cotta non è più "rucolosa" come quella cruda ma il suo sapore ben si accompagna con il baccalà.
    P.S. certo che solo tu mi puoi fare scrivere certe cose!!!!Hihihihihi.....un bacione.

    RispondiElimina
  27. Dani: grazie! Non lo so dove abita...una volta al dì mi è più che sufficiente! Un abbraccio.

    Giovanna: troppo buona. La pazienza, sicuramente, l'ho acquisita col tempo. Per forza, altrimenti sarei già finita in cronaca nera. Un bacione.

    Faustidda: ma sai che dimenticommi?? Pasiensa...

    Mariabianca: grazie carissima, mi sconfinfera. Lo so, il mio lessico è contagioso! Un bacione.

    RispondiElimina
  28. Che ridere! Complimenti per i biscotteddi!!!!!!!

    RispondiElimina
  29. Che goduria i tuoi tondelli! E che ridere per il tuo racconto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...