domenica 19 febbraio 2012

FUTILI CONSIDERAZIONI…

Le serie televisive di oggi…ne vogliamo parlare?
Puntate di quaranta minuti circa, pubblicità esclusa, dove i protagonisti, lavorano 20 ore al giorno, salvano vite, e strombazzano in continuazione…
Allora, io non voglio esser sempre la solita, e forse parlerò anche per invidia, ma vorrei analizzare con voi la situazione.
I protagonisti sono medici, ovviamente, perché fa molto  fig-audience.
Lavorano dall’alba al tramonto, hanno ogni genere di disavventura perché, quando hanno culo, esplode un aereo o si crea una voragine nella strada e loro son sempre attivi, lucidi, truccati e pettinati, pronti a tutto.
Amputano arti, rimuovono tumori e, tra un intervallo e l’altro, non è che vanno a far pipì, o a lavarsi i denti perché magari sono 10 ore che stai lì ed un po’ l’alitino pesante te lo senti, ma si chiudono in qualche stanzetta al sicuro e si saltano addosso, avvinghiandosi come boa costrictor…
Stanzetta che poi, fuori, ha la macchinetta che distribuisce i numerini, perché c’è la coda ad entrarci, mica pizza e fichi.
Finito l’estenuante turno di lavoro, vanno a casa  e non è che si facciano una bella doccia calda o, almeno si lavino i piedi dopo 20 ore di scarpe da ginnastica, ma no, si lanciano sul lettone e zum zum…ovviamente sempre cerettate e mai indisposte!
Bene.
Nella vita reale non è che si sia sempre accecati da una folle passione o attrazione sessuale che ti costringe alla spasmodica ricerca di un fantomatico stanzino dove rinchiuderti, o no??
Pensi a fare la spesa e a cosa far da mangiare e non credo neanche che alle 6,30 della mattina cerchi nel cassetto della biancheria quel completino sexy in lycra col reggiseno imbottino ed il tanga, o no?
Prendi la prima cosa che ti capita, basta essere in ordine (non si sa mai, dovesse succedermi qualcosa!)…perché è a questo che pensi e non magari incontrerò uno strafigo tra una ricetta, una supposta ed un consiglio rapido su come fare un clisterino, che mi salterà addosso con voluttuosa passione mentre gli misuro la pressione…ma allora!
E siccome dopo otto ore in piedi con calze 140 denari in nylon e calzettoni pesanti per evitarti geloni che tanto vengono lo stesso, i tuoi piedi potrebbero essere usati come arma chimica per stanare terroristi, la prima cosa che fai una volta a casa è lavarti.
Perché è questo che le persone comuni che non vivono ad Hollywood fanno.
Poi, indossi il tuo pigiamozzo e la tua vestagliozza di pile, scendi le scale ed hai un tal mal di gambe che la tua andatura ricorda quella di una vecchia ballerina con l’artrosi ai piedi e le emorroidi e, rigidina, rigidina arrivi in cucina e mangi…perché è questo quello che fai, non lanciare le vivande per terra facendoti prendere da folle passione.
Vai in salotto, ti sistemi sul divano, guardi la serie in questione perché tant’è sei incuriosita nel vedere come fanno gli sceneggiatori a farla continuare e, dopo uno stanzino e l’altro, un lettone e l’altro, un ascensore e l’altro, ti volti verso tuo marito che russa da mezzora con la sua bella copertina tirata fin sul naso, lo scrolli amorevolmente per svegliarlo, ti avvicini al suo orecchio destro e, con voce sensuale, gli sussurri:”Amore??? Nanna?”.
Alla prossima…


PANE NERO ALLE CASTAGNE…

INGREDIENTI:

250 g farina di castagne da Prontuario
250 g Brot Mix Schar
450 ml acqua
½ cubetto lievito di birra
2 cucchiai olio extra vergine
Sale due cucchiaini.









Allora, incredibilmente, questa focaccetta me la sono inventata senza scopiazzare nessuno…
L’esecuzione, per straespertone come voi, è semplicissima: fate sciogliere il lievito in un po’ dell’acqua tiepida e versate nelle farine.
Aggiungete l’olio, il sale ed iniziate ad impastare con una mano sola perché è talmente appiccicoso che, dovesse succedere qualcosa, non riuscireste a staccarvi da lì.
La quantità d’acqua (volendo si può mettere anche un po’ di latte) è, tanto per cambiare, indicativa.



L’impasto deve risultarvi compatto, ma molto appiccicoso, non asciutto.
Lasciate riposare per due o tre orette e stendetelo su una teglia ben oliata.
Io ho spolverato la superficie con un pochino di sale grosso.
Cuocete a forno bello caldo sui 160/180 gradi finchè la superficie non inizia ad incresparsi tutta…comunque, sempre, San Stecchino.
E’ un pane dolce, dal gusto delicato che si può tranquillamente accompagnare a salumi, formaggi o marmellate.
Ve lo consiglio.


25 commenti:

  1. ahahaha :D
    io quella serie tv lì non la conosco mica... ma mi sa che non mi sono persa molto!
    pigiamozzo e maritino dormiente sul divano? presenti anche a casa mia!!! ;)

    RispondiElimina
  2. ahahah ti sei dimenticata che riescono ad andare ad ogni fine turno a prendersi l'aperitivo assieme e poi a cena fuori. e quando vanno a casa ce l'hanno già tutta bella e pulita e non devono prendere nemmeno un piumino in mano....voglio vivere a hollywood

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...l'omo mi ricorda che girano in bmw minimo e che la casa sulla spiaggia se non ce l'hanno è perchè ce l'hanno in montagna e delle ferie? no non ne hanno bisogno.

      Elimina
  3. E che "c'hai" troppo ragione!!

    RispondiElimina
  4. hahhahhhhhhaaaaaaaghhhhhhhaaaa! come sempre sei uno spasso! e questa focaccia niura è la fin du monde .-) brava cara e baciuzzi .-XX

    RispondiElimina
  5. Quanto è vero quel che scrivi!! Tornare a casa e sentirsi come un palmipede, stravaccarsi sul divano e guardare una serie che mostra una vita diversa dalla nostra.. sarà per questo che hanno tanta audience. Come farebbero poi ad essere tutti stecchini mangiando solo crackers e patatine durante il turno..
    Meglio questo pane con ingredienti sani e appiccicosi che riscalda il cuore - e spero i piedini - per il giorno successivo ;-)
    Buona settimana a te cara!!

    RispondiElimina
  6. io ti adoro ho una viscerale passione per te cara Tinny!

    RispondiElimina
  7. Noooo, credimi è tutto reale! Anche la mia vita è così! C'ho chi mi fa la spesa, sono sempre truccata, anzi, proprio come le attrici mi sveglio già truccata e con i capelli perfettamente acconciati.
    Sono sempre vestita da super super super femmina, non indosso mai, dico mai, una scarpa con un tacco più basso di 12 cm, e tra un lavoro e l'altro sono sempre presa dalla passione.
    Poi se incontri una scarmigliata, stanca, anche inca....ta al supermercato che fa la spesa quella non sono io, se nel mio guardaroba trovi scarpe basse e di tacchi manco a parlarne, sicuramente qualche invidiosa me le ha sostituite. Però, se vedi qualcuna che mangia il tuo pane alle castagne, quella si, sono io!
    Un bacione grandissimo!

    RispondiElimina
  8. Non te l'ho mai detto prima perchè ti conosco da pochissimo ma te lo dico ora! TI LOVVO A BESTIA ^_^
    Ho sempre avuto un po' paura a usare la farina di castagne per i lievitati ma quasi quasi mi butto.
    Echebeltaglierinoappetitosohaipreparato :)
    Un bacione, buona serata

    P.S. guarda che io ho anche le pantofole col tacco 12 mica no! Ovvero...il totale di 6 paia :)))!

    RispondiElimina
  9. Ma scusate, ma allora siamo noi le protagoniste strafighe di queste serie????? Sarà per questo che mi sembrava di conoscervi!

    Giovanna: lo so benissimo che vita fai cara, è come la mia. Il problema della servitù poi l'hai risolto??? Io insomma, non ho ancora trovato quello capace di pettinarmi come si deve le piume di struzzo della vestaglia...uno stress guavda cavissima che non ne hai pvpvio idea!

    Per la cronaca io vivo in scarpe da ginnastica o basse in inverno. Quando mi metto qualcosina più in alto ho un maldi piedi bestia.

    RispondiElimina
  10. Soniuzza: grazie caridda, questa focaccia è buona, ma la prossima voglio provare solo con la Brot!

    Dany: è vero! Sempre super alcolici e patatine...proverò anch'io, va? Un bacione, buona settimana.

    Monica: grassie, sei sempre squisita, lo sai, ne??

    Federica: eheheh, troppo buona, ma mi fa piacerissimo, davvero. La farina di castagne l'ho sempre usata praticamente mai, ma son rimasta soddisfatta. Un bacione.

    RispondiElimina
  11. ohhhh!!!come vi capisco!!!! tutto il giorno in piedi a correre a destra e a sinistra destreggiandomi tra il parrucchiere, l'estetista, la massaggiatrice, il personal trainer. E' un vero stress, e quando la sera torno a casa, tolgo i tacchi 15 e metto i 12 per stare più comoda, ma purtroppo la serata non finisce fino a quando la servitù non si ritira e allora io potrò farmi un bagno caldo e farmi massaggiare i piedi da mio marito. (...che vita vuota sarebbe!)

    RispondiElimina
  12. Lunedì scorso alla fine della puntata della serie in questione mio marito si e' voltato verso di me e mi ha detto - ma quanto sesso fanno questi?- sei troppo forte stai sempre sul pezzo ;-)

    RispondiElimina
  13. Non riesco a smettere di ridere,ho persino svegliato il mio lui che russava in maniera sexi , tutti uguali sti uomini :))
    non solo ha hollywood basta a guardare le pubblicità tutte famiglie perfette e in armonia!!

    Pane formaggio e noci tutto strabuono!
    Bacioni buon lunedi e mi raccomando il tacco 12

    RispondiElimina
  14. Troppo forte Tinny, le calze elastiche 140den sono d'obbligo anche per chi sta davanti a un bunsen ad analizzare vini, ci si consola se non altro bevendone qualcuno buono!!!
    Serate a letto stanca morta ed ubriaca fradicia, non si riesce a guardare la TV!!! bacioni

    RispondiElimina
  15. Il tuo pane è una meraviglia! Per le serie TV....lasciamo perdere va! Un abbraccio.....spero non ti vengano i geloni!

    RispondiElimina
  16. Bellissima la metafora dell'Arma Chimica, negli States te la brevetterebbero di certo e con il ricavato potresti visitare uno di quei set dove ci sono tanti stanzini in cui rifugiarsi! Lavato prima i denti però che non si sa mai ;)

    RispondiElimina
  17. Ormai sei il nostro mito!!!! E anche questo pane/focaccia mi sembra mitico!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  18. Ma...senti un po': hai montato la telecamera nel mio salotto per spiare le mie serate? In fondo...è una cosa ovvia.
    Dopo tutto il giorno che ti sbatti a destra e a sinistra, qualunque cosa tu faccia di mestiere, mi dici come potrebbe essere diversa la tua serata? Personalmente mi alzo ogni mattina alle 6.00 e prima di arrivare in ufficio ho fatto colazione, ho fatto mangiare i cani e me li sono spupazzati,ho fatto un carico di lavatrice che riesco anche a stendere prima di uscire per le 7.15. Sto fuori tutto il giorno perchè non rientro neanche a pranzo e quando arrivo per le 19.00/19.30 devo preparare la cena che quasi sempre devo inventare all'ultimo minuto.
    Il sedersi sul divano con la copertina in pile per me è la conquista della giornata; il mio premio è perdere i sensi dopo 3 minuti tra le braccia del maritino che non riesce neanche lui a finire in tv ciò che sta guardando.
    Lo sai a che ora ci siamo svegliati domenica sul divano? alle 04.00 a.m.!!!!!
    Certo, dopo una sveltina e 40 posizioni di kamasutra cosa pretendi??

    RispondiElimina
  19. Tinny, ti quoto in tutto e per tuttooooo!!! Mitica!!! Alla faccia di Gray's Anatomy!!! ;-))

    RispondiElimina
  20. Ottimo pane!Bravissima,carina!Un bacione!

    RispondiElimina
  21. ma come!!! IO PENSAVO che fosse tutto vero!!! Ora mi hai rotto la magia, come farò ancora a guardare quelle serie televisive?
    OPS, però, mi viene in mente che io non le ho mai guardate...
    Quanto al tuo pane per una volta tanto mi hai lasciato basita; dopo il vassoio vuoto mi aspettavo il peggio ed invece...
    Un baciotto
    p.s. ti mando una scatola di semini appena posso; magari quest'estate

    RispondiElimina
  22. mia mangiato un pane alle castagne, deve essere strepitoso!

    RispondiElimina
  23. E' ufficiale: io ti adoro! Mi hai fatto arrotolare sulla scrivania! La pura verità. E, anzi te la dirò tutta: anche se mi succedesse qualcosa ed avessi addosso il mio più bel completino delle occasioni (quali?), sulle gambe c'ho una peluria che nemmanco la moglie del BigFoot, visto che la sto coltivando per la primavera e cerco di risollevare le mie gambe dallo stress della depilazione selvaggia in estate. Insomma, per fortuna mio marito, che assomiglia tanto al tuo, non mi guarda inorridito quando mi tolgo i pantaloni, anzi è sempre lì che minaccia l'agguato. Peccato che quando ci vediamo la sera, assomigliamo tutti e due alla ballerina di cui sopra e l'ormone sia andato a dormire già da un po! Che campo affà! Sei fantastica, PAt

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...