domenica 15 aprile 2012

MALATA IMMAGINARIA...

Qualche anno fa veniva molto spesso una cliente.
Cliente è una parola grossa perché, oltre che un pacchetto di cerotti e disinfettante, non comprava mai nulla.
Ma non la finiva più di parlare e parlare.
Età sui 60, magra, capelli grigio topo raccolti in una coda spettinata, ogni tanto un bel fiocco colorato, vestita trasandata, due denti in bocca, occhialoni spessi.
Entrava, si pesava, veniva al banco e cominciava.
Diede il meglio di se due volte.
La prima volta posò sul banco un sacchetto di carta con del pane.
“Non so, ma dopo averlo mangiato non mi sono sentita bene.”
“Bè, può succedere di non star bene…” le rispondi laconica.
“Ma no, ma no, è che lo tenevo in cantina e sopra cerano delle larvine!...Le ho tolte però!”
“Ahhh, allora sarà per quello che non è stata bene…di solito non si mangiano i cibi che si muovono da soli, sa signora?”
Un’altra volta, farmacia piena di gente, arriva, compra i soliti cerotti e disinfettante.
“Sa dottoressa ho avuto un incidente, sono caduta. Poi mi sono tagliata, guardi!”
E tu guardi…
Ti mostra il dito indice perfettamente sano.
“Ma cosa  devo guardare scusi?”
Intanto il bel giovinotto che sta aspettando il suo turno da troppo ormai, allunga il collo per curiosare.
“Ma come cosa, ma non vede?? Qui, mi sono tagliata, mi sono fatta malissimo!”
E continua ad indicarti il dito perfetto.
“Ma, guardi signora io credo che le convenga andare al Pronto Soccorso…se continua a sanguinare così…”
“Eh si, lo pensavo anch’io!” e se ne va.
Il bel giovinotto sussurra:”Ma come fate ad aver così tanta pazienza e non mandarli a cagare??”
Sante parole figliuolo, sante parole.
Per mesi non si fece più viva per poi rispuntare con un braccio al collo tenuto da un nastro, una cordicella ed una gran smorfia di dolore.
“Sono caduta sa?”
 Tu la guardi e pensi "Evidentemente non abbastanza!"...
“ Oh, mi dispiace signora, vuole dei cerotti?”
L’altro giorno ritorna.
Tira fuori dalla borsa una forchetta.
“Senta volevo chiederle, secondo lei che cosa sono queste macchioline nere su questa forchetta?”
“Scusi??”
“Ho comprato questa forchetta sul mercatino…ha le punte sporche. Secondo lei che cosa sono queste macchioline nere?”
“Non lo so signora, non vendo forchette!”
Ebbastaunpo’??!!

FOCACCIA CON LE CIPOLLE


La ricetta la trovate qui. (Eheheheh, la sindrome è alle porte, ormai!)
In aggiunta vi servono due belle cipollonzole bianche che affetterete ad anelli sottili sottili.
Mettetele in un piatto, salatele ed oliatele abbondantemente.
Rimescolatele bene bene con le mani in modo che si condiscano perfettamente.
Distribuitele sulla superficie della focaccia ed infornate.
Forno molto caldo, in modo che si croccoli subito bene; il mio sui 200 per 20 minuti circa.
Assolutamente da mangiare tiepida con un bel gottino di vino.
Alla prossima.




38 commenti:

  1. Ma che bella focaccia ...sembra proprio di essere in una delle vostre focaccerie fornitissime ...ma sei bravissima e ci scommetto che fai anche quella all'olio, vero????

    Quanto ai problemi con i clienti ...qua non mi batte nessuno, sai che lavoro in un laboratorio? Da noi arrivano vini bianchi della nota cantina, diventati viola in frigorifero, sai con il freddo!
    Persone che dicono di essere avvelenati dalla moglie e vogliono analizzare le pastiglie incriminate e poi si scopre che sono le classiche pastiglie Leone.....
    Chi vuole vedere al microscopio i noccioli di pesca perchè loro sanno che lì si annida chissà quale parassita e quindi rìti presenta sul banco un "nocciolo ciucciato"...che schifo!!!
    E poi muri con macchie e vasi di fiori in cui il vicino per invidia versa la "pipì"...guarda un libro tipo Treccani si potrebbe scrivere....
    però se sei dell'umore giusto...quante risate!!!!bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, troppo forte! Dovresti scriverli anche tu questi "nanetti" (aneddoti!!). Però la signora che si leva la dentiera per farti vedere che adesivo usa o quella che ti porta il test di gravidanza appena fatto, dove le mettiamo???...Un bacione, buona domenica!

      Elimina
  2. Eh si, quanta pazienza povera Tinny e colleghi, non vi invidio proprio!!! Ma mi hai fatta ridere anche oggi a immaginare le espressioni dei presenti lavoratori e clienti :-)

    rispondo qui alla tua domanda: ho provato a cambiare foto sfondo della pagina, ma dava sempre errore nonostante la grandezza dell'immagine era giusta. Magari più avanti ci riprovo, grazie per il suggerimento e la tua visita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te. Quella foto mi ha colpito moltissimo, spero tu riesca a farlo. Un bacione.

      Elimina
  3. Mamma quant'è appetitosa! Mi vien voglia di addentarla.
    Fortuna che vengono queste persone così ci fai fare 4 risate.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Eheheheh, finchè si ride! Un abbraccio, buona domenica!

      Elimina
  4. Tinny grazie di esistere!
    P.S. copio ed incollo la ricetta sulle "prossime da fare" adoro le cipolle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, troppo buona. La focaccia merita proprio!

      Elimina
  5. Confessa che lo sapevi? Come cosa? Che mamy mi ha portato ieri una scorta di dolcissime cipole bianche fresche! PER-FET-TE per questa fine :D!

    RispondiElimina
  6. e m'è partito pure il commneto in anticipo! Dici allora che era per le larvine il mio leggero mal di pancia di oggi pomeriggio? mumble mumble...
    Io aspetto sempre che scrivi un libro, non te lo dimenticare :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh, carissima. Le cipolle saranno degnamente sacrificate con quelle manine sante (e molto belle!) che hai. Le larvine possono portare maldipancia si, devi solo scottarle leggermente prima di mangiarle...!!! Un bacioneeee!!

      Elimina
  7. ...ma senti un po', com'è che al mio farmacista di fiducia, da me interpellato espressamente in merito, tutte queste storielle da raccontare non le ha??? Non è che inventi, per caso?
    La fantasia non ti mancherebbe, questo lo sappiamo bene.
    La focaccia con le cipolle no, questa proprio non te la posso "toccare"! E' perfetta, appetitosa, da addentare... quasi sacra.
    Vabbé, dai, per fantasia e ricetta promossa a pieni voti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora...primo: al tuo farmacista di fiducia fondalmente stai sulle balle perchè a) sei una che non ti curi b) prendi solo il rinofluimucil per qualunque cosa b) ti tieni il mal di schiena per giorni tanto poi prima o poi passerà.
      Capisci che non puoi risulter tanto piacevole ad un farmacista, ne?
      Secondo: il tuo farmacista non te le racconta perchè sei tu la protagonista delle sue storielle...allora, lo capiamo o no???!!!!

      Elimina
  8. I tuoi racconti sono esilaranti:)
    Mi fa un po' pena questa signora. La cosa triste è che magari sono le uniche parole della giornata scambiate con un altro essere umano...poverina :(
    Certo, voi non siete un'associazione assistenza anziani...però...pensateci, sarebbe un altro modo per guadagnarci da questo servizio sociale che fornite.
    Mi manchiiiiii
    Sbrigati a scendereeeeeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conto e riconto anch'io Ciccina!!

      Elimina
  9. La focaccia, scusa: mi sa tanto di cenetta della domenica, buonissima.
    Bacioni alla maga della focaccia :DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, quando ho il tempo di far le cose! L'assistenza anziani te la lascio, sei molto più buona e paziente di me!! Baciniiii.

      Elimina
  10. sempre la solita. ma un romanzo tipo "memorie di una farmacista" no?

    bella la focaccia con le cipolle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima. Ci sto pensando. La focaccia merita davvero.

      Elimina
  11. Ma come fai a non ridere in faccia alla gente ed a rispondere con tanto sangue freddo? Ahahahahaha io terrei sotto banco le indicazioni stradali per la neuro più vicina ;)
    Ciao cara, buon inizio settimana

    p.s. potrei avere dei cerotti? *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La psichiatria è proprio vicino vicino!! Grazie, anche a te!
      Un po' di disinfettante nooooo????

      Elimina
  12. io una forchetta per assaggiare questa focaccia la vorrei :)
    Bacioni e buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te carissima, un bacione.

      Elimina
  13. Senti, mi rivolterò nel letto tutta la notte al pensiero delle larvine...brrrrrr. Sto scrivendo una lettera per la tua candidatura alla beatificazione, perché te la meriti, oltre che la "Santa Subito"...che tipo di pusher stai usando, perché resistere in maniera si tanto coatta ad attacchi simili, ci vuole un aiuto che ha dello stupefacente! Ti abbraccio forza della natura! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio pusher è davvero valido, lo consiglio. Santa proprio no...non mi sentirai mai sproloquiare dietro in magazzino proprio contro le suddette/i clienti!!! Ti abbraccio anch'io, un bacione.

      Elimina
  14. Mi associo a quello che ha scritto Patty ...
    PS: grazie per il racconto, mi ha distratto un pochino
    PS: che dici se uso le cipolle rosse di Tropea?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille. Per le cipolle ti ho risposto date. Buona settimana!

      Elimina
  15. Vabbé, però porella dai! è anziana, sarà un po' svitata, di sicuro non ha nessuno che si prenda cura di lei... capisco la pazienza vostra, però una così dovrebbe muovere un po' di compassione, o no?
    La focaccia proverò a farla, l'avevo mangiata già pronta ed era da urlo, quindi penso proprio che cercherò di replicarla. Nel frattempo, mi sto organizzando per fare (finalmente) il tuo pollo Cajun questo weekend, slurp!
    Baciotti, e non sparare sulle vecchine svitate, su! ;-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcune persone nascono menabelini e muoiono menabelini, fidati! Questa era così anche a 30 anni!!!! La focaccia falla eccome! Aspetto il pollooooo, son troppo curiosa. Un bacione!

      Elimina
  16. Esilarante come sempre!!! la focaccia è super, e me la mangerei anche adesso.
    Bacioni

    RispondiElimina
  17. Ma tu lavori in una farmacia psichiatrica? Mi hai fatto rivivere i bellissimi anni che ho passato in psichiatria...ben 18!!!! Non come utente.....beh, forse anche.....ma che importa???? Ahahahahah
    Focaccia tua nella bocca miaaaaaa....

    RispondiElimina
  18. ...anche tu, però! Non sapere cosa sono le macchie su una forchetta, dai Tinny, si sa che in farmacia si portano le stoviglie macchiate, ci vorrebbe un corso di aggiornamento!
    E per la signora un ricovero! Ma davvero, come fai a non perdere la pazienza, io dopo un po' mi indispettirei.
    Santa sei!
    Forse è quella magnifica focaccia che aiuta a mantenere la calma?
    Un bacione e....porta pazienza!

    RispondiElimina
  19. io ogni tanto faccio la pizza alle cipolle, squisite se sopra metti anche del peperoncino, per esempio, di gente fuori di testa e ipocondriaca ce n'è tanta in giro, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  20. evidentemente non abbastanza!! ahahahhhh, sei sempre tu è rassicurante venire qui. un bacio. e adoro le focacce in tutte le salse, questa con le cipolle è perfetta, da sfiancare di morsi!

    RispondiElimina
  21. splendida focaccia! io sono convita che cucini bene per via delle torture che subisci dai clienti: arrivi a casa e ti sfoghi con la brisée, le cipolle e quant'altro!! dovresti ringraziarli invece :-DD scompisciosa come sempre! baciuzzi :-XX

    RispondiElimina
  22. mi fai morire..lo giuro, sono qui in ospedale con piccoletto (da un settimana e ci staremo altre due almeno che si deve operare....:((( ) e le infermiere mi stanno guardando come se fossi matta perchè rido da sola al pc! Ma poi..il bel giovinotto p più tornato?????? :DDDDDD Meno male che ci sei tu Tinny!!!

    RispondiElimina
  23. Mr Nose impazzirebbe per questa focaccia cipollosa. Sull' "Evidentemente non abbastanza" volevo morire:-)
    Ma tutti da te vengono???

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...