domenica 6 maggio 2012

TORTIDDA DI VERDURE...

Il Dottor Sgundabar sollevò il naso dalle sue cartelle e rimase interdetto per un paio di secondi.
“Lei?? Cosa ci fa qui?...Dov’è Helga?” chiese cercando di non dare ascolto a quel filo di panico che percepiva in mezzo al petto.
Era da solo, nel suo ufficio, seduto schiena al muro, senza via di fuga con lei li, dalla porta.
Non si era più vista dall’ultima sfuriata e, in cuor suo, sperava di non rivederla mai più.
Si alzò.
“Come sta Miss Tinny?” schiarendosi la voce.
La guardò; era sempre bellissima ed il suo profumo, dolce come lo zucchero, lo inebriava.
“Ohhh moooolto meglio. Ho smesso i farmaci e faccio della gran psicoterapia…in tal proposito le volevo chiedere dottore, è normale che il mio terapeuta mi chiuda in una stanza, mi leghi alla poltrona ed esca? Mi dice di parlar di quello che più mi aggrada a voce alta che tanto  mi sente? Non lo so, ma non mi sembra un approccio molto professionale, che ne dice? Poi, a fine seduta, entra, mi slega e scappa via urlandomi un “fissi il prossimo appuntamento con la mia segretaria!”…ma non ce l’ha la segretaria, almeno io non l’ho mai vista. Così mi segno sull’agenda e me ne vado…”
Il Dottor Sgundabar sollevò le spalle. “Evidentemente è la nuova scuola di pensiero…non so…”
Lei gli si avvicinò “Comunque non sono venuta qui per questo…le ho portato una cosa!” e da un cesto di vimini tirò fuori un vassoio.
“Cos’è?” le chiese un po’ scettico.
Ma quel profumo…
Lei sporse il mento e sussurrò. “E’ una tortidda dottore…una tortidda, ha capito??”
Gli occhi le scintillavano.
“Una tortidda??”
“Esatto!! Ho copiato la Faustidda, ci sono riuscita e sono stata bene…non ho smadonnato più di tanto non ho lanciato impasti nel lavandino…insomma, un successo, no? “
Posò il vassoio sulla scrivania e lo sfasciò; una bellissima e dorata torta di verdure fece capolino.
“La vuole assaggiare?”
Lo stomaco del Dottor Sgundabar gorgogliò rispondendo per lui.
Che delizia, che morbidezza e quel ripieno? Asciutto al punto giusto, perché quella manciatina di riso è il segreto.
“Non è perfetta??”
Lui annuì con la bocca piena, masticando furiosamente per mangiarne il più possibile.
“Minchiuzza, è squisita Miss Tinny…davvero!”
Lei gongolò.
“Lo psicoterapeuta dice che la Sindrome della Faustidda è curabile. Dice che devo  semplicemente concentrare le mie attenzioni su qualcos’altro…il giardinaggio dice.”
“Bè, è un genio il suo psicoterapeuta…” ingoiando l’ultimo pezzo della fettidda.
“Ascolti Tinny: questa sindrome è incurabile e lo sappiamo. I farmaci funzionano bene, ma credo che dovrebbe fare così…” tagliandosi un’altra fetta. “ Tutte le settimane cucinerà qualcosa presa da questa Faustidda e me la porterà. Io la mangerò e valuterò il percorso farmacologico da seguire. Mandi a quel paese quello psicoterapeuta della fava, okkei??”
Helga entrò di corsa tutta trafelata.
“Sta bene Dottore???” guardando preoccupata verso Tinny.
Lui sorrise.
“Benissimo Helga. Adesso dobbiamo andare a fare il giro in repartiddo, ci sono i pazientiddi che aspettano per la visitidda. Hai preso le cartellidde??” uscendo e toccando una spalla a Tinny.
Helga spalancò la bocca in una smorfia d'orrore.
“Ma…ma Dottor Sgundabar??”
“Sbrigati Helghidda, su!”
Ommmmmiooodddddioooo!!!

 
TORTIDDO DI VERDURE…


INGREDIENTI
300 g farina Biaglut
80 ml olio di oliva
200 g acqua
2 cucchiaini sale fino

Per il ripieno:
500 g spinaci in foglia già puliti
1 mazzetto bietole
1 cipollotto fresco
1 patata
1 uovo
2 cucchiai parmigiano grattugiato
1 pugnettino di riso
Sale e pepe a piacere.

Mettete gli spinaci e le bietole in una padella e fateli appassire.
Scolateli e strizzateli bene bene.
Ungete la padella, rosolateci un cipollotto ed aggiungete la patata tagliata a cubetti piccolini.
Fate andare per una decina di minuti; aggiungete le erbette e cuocete per altri 5 minuti salando e pepando.
Mettete da parte e fate raffreddare.



Impastate fino ad ottenere una bella baletta (aggiustate di acqua, aggiungendone poca alla volta!).
Dividetelo in tre balette più piccole e su un foglio di carta da forno, iniziate a stenderne una alla volta.
Il più sottile possibile.
Ungete un tegame sui 22 cm circa e stendete il primo strato cercando di far uscire i lembi (a me non è riuscito un granchè!).
Un filo d’olio e lo strato successivo.
Aggiungete il ripieno, livellatelo bene ed aggiungeteci la copertura che ungerete abbondantemente.
Ora, seguendo le indicazioni di questo blog ai più sconosciuto, bisognerebbe arrotolare i lembi, creando una bellissima bordura croccolosa…okkei.
A me non è venuta e così ho optato per un taglio netto (a volte ci vuole!).
Cuocete a 200 gradi fino a doratura.
Risultato?
Mmmmm…Chiedetelo al dottor Sgundabar!
Alla prossima…



34 commenti:

  1. Toc toc... Permesso? Sono Helga, sì, insomma, Helghidda! Vabbè, sì, lo so, non sono registrata e sono anche un po' un'intrusa qui dentro, dove si fa tutto sto gran parlare di mangiare e "mangiarini"...
    Però una cosa la DEVO dire: la Tinny, e qui parlo sottovoce perché dovrebbe essere un segreto professionale ma quando occorre si deve passare sopra a tutti e a tutto, ha un pochino di Sindrome è vero, ma per lo più è solo CONVINTA di averla! Insomma, in realtà non avrebbe alcun bisogno di cure, quello che Sgundy le propina è solo... uno strafottutissimo placebo! Ecco, l'ho detto! Coscienza a posto! Quel malefico dottore non vede l'ora che arrivi l'appuntamento settimanale per assaggiare (divorare!) un sacco di prelibatezze! E, credetemi, queste prelibatezze sono davvero tutta opera della Tinny, cuoca sopraffina, altro che!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credi che mi commuova???....Ommioddio....scusami, ma non....
      Ohh...ma che carina che sei....no....devo andare, non mi sento molto bene....

      Elimina
  2. miss Tinny, smettila con le anfetamine! lo sai che ti marciscono i denti e poi ti fai i buchini nel cervello?? anche se quando le prendi fai ste bontà, mutuate dalla Faustidda , ma tu Gf le facesti! quel pugnetto di riso geniale mi parve :-DD troppo brava, metanfetamine a parte!"! baciux :-XX

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buchini nel cervello??? A dire il vero sono dei trafori....Il pugnetto di riso è geniale sul serio!...Qualche pastiglietta in più o in meno, dai!...Bacini...

      Elimina
  3. Malata o no! Sei fantastica! Come questa tortidda!!!!!

    RispondiElimina
  4. Tinny tinny....ma quanto sei forte?perché non raccogli tutti i tuoi racconti abbinati
    alle ricette e ci pubblichi un libro?leggerti è un piacere e fai pure venire l'acquolina in bocca!troppo brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragassuole...a dire il vero ci sto pensando. Un abbraccio.

      Elimina
  5. Sembra buonissima questa tortidda!Un bacione,carissima Tinny!

    RispondiElimina
  6. hihihi io ho la sindrome della Tinnydde ma non ho nessuna intenzione di guarire! Ti lovvoooooooooooooo :) E mi sconfinfera pure un sacchiddo questa tortidda :D Bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede! La tortidda è strasconfinferosa! Un bacione.

      Elimina
  7. Eh si cara Tinnidda mi sa che stai contagiando tutti quanti con la tua ite ite.. comunque, non ci vuole lo strizzacervelli per apprezzare la tua superidda tortidda.
    Non conoscevo il trucco del riso, grazie per la super idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pugnetto di riso è geniale...ma non diciamolo alla Faustidda!!

      Elimina
    2. No non lo diciamo ;-)

      Sono passata per ringraziarti per gli auguri di compleblog, mi hanno fatto molto piacere!!!

      Elimina
  8. Sei unica Tinnuzza beddra!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh, e meno male! Un bacioneee.

      Elimina
  9. Splendido rustico ed effettivamente il riso lo deve rendere speciale, brava Faustidda..ma anche la Tinny che intercetta le migliori ricette, non è vero? Leggendo delle anfetamine, mi sono ricordata di mio figlio che, da piccolo quando qualcuno mangiava dolciumi, diceva "Attento ti marciano i denti!!!"....un bacio e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo carino! Ti marciano i denti eccome!! Un bacione!

      Elimina
  10. La Tinnida con la Sindrome della Faustidda ha creato una tortidda veramente SUPERMEGA BELLIDDA e BUONIDDA!!!!!!!!!!!
    Carlidda

    RispondiElimina
  11. la tortidda è perfetta bella idea il riso, ma il dottoriddo se l'è sbranata tutta? brava Tinny, anzi Tinniade superba! buona settimana anche a te! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Dottorino se l'è sbranata sì! Grazie carissima!

      Elimina
  12. Viva QUESTA malattia allora! Che dici, ce la posso mettere un pochino di scamorza affumicata a fette sottilissime? Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altrochè! Ottima idea!Un abbraccio a te.

      Elimina
  13. Mi associo al dottor Sgundabar, che buona la tortidda! Quel pugnettiddo di riso è da leccare i baffiddi! ^-^
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie millidde!!....Un bacione!!

      Elimina
  14. Risposte
    1. Quando lo capisco te lo dico...eh??? Un abbraccio.

      Elimina
  15. Bella questa tortidda. Complimenti per il blog.Ciao.

    RispondiElimina
  16. Quasi quasi...io a Tinnydda ci voglio tanto bene!!!
    Anche a Faustidda se tiinsegna a fare delle torte che sono una meravighhia!!!

    RispondiElimina
  17. Hai capito il dottor davvero furbetto.... Tortidda favolosa!!
    bacioni

    RispondiElimina
  18. idea fantastica tutta da provare

    RispondiElimina
  19. Ciaooooooooooooooo
    se ti va passa da me c'è un premio per te
    Baci

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...