domenica 23 dicembre 2012

SCHEMIDDO...


Ohhh, allora…prima di salutarvi ed augurarvi buone feste, vi lascio una piccola guida di sopravvivenza, pochi consigli per la vostra incolumità…


1. Salutate sempre la vostra Farmacista; solitamente ad un buongiorno o buonasera, si 
    risponde.
    Non verrete colpiti da senso di soffocamento o crampi addominali.

2. Non ripetete quasi ossessivamente il termine “Signorina” perché al quindicesimo potreste                 rischiare una testata. Il personale dietro ad un banco di qualsiasi Farmacia è laureato anche   se al posto di quel fagiolino lì ha quel tuberino là. Se proprio vi risulterà troppo doloroso sostituitelo con “Signora”. Evitatevi la frase:”Ohh, grazie Signorina, mi saluti tanto il Dottore Signorina, grazie Signorina…Dottoreee, stavo proprio dicendo qui alla sua commessa, a questa Signorina di quanto è bravo Dottoooooreee!!”, perché oltre alla testata, potreste vincere anche uno degli spigoli d’ardesia dei banchi in mezzo alla fronte.

3. Cercate di venire un cicciolo più preparati. Se dovete acquistare un farmaco, non partite dal  presupposto che la Farmacista abbia il terzo occhio.
Evitate il solito:” Come come si chiama, quello che prendo sempre io no? Non se lo ricordaa??”.
Perché se non te lo ricordi tu sai che minch….me ne frega a me.

4. Vedi nm 3; se dovete ritirare qualche farmaco ordinato apposta per voi il giorno prima od anche un po’ più in la, portatevi quel cazzo di bigliettino col numerino che la Farmacista vi da perché se ve lo da  un motivo ci sarà o no? Non partite dal presupposto che quest’ultima si ricordi cosa fosse o che solo a voi abbia ordinato  qualche robina perché non sempre è così.

5. Vedi nm 3; se volete acquistare un farmaco, chessò, un collirio od un antiinfiammatorio e non vi ricordate cos’è, evitatevi la frase “Se mi fa vedere le scatole…” perché non avete idea, ma neanche vaga di quale sia il quantitativo di scatole che una Farmacia di dimensioni ragguardevoli abbia e non essendo un quiz con un bel premietto finale, magari eviterete di far perdere del tempo e rompere le balle a tutti.

6. La Tessera Sanitaria non è una pepita d’oro. Non tenetevela in casa, nascosta in cassaforte, ma portatevela nel portafoglio. Se la Farmacista vi chiede “Ha la tessera Sanitaria signora?” , non guardatela truce come se vi avesse chiesto di farle leggere il vostro diario segreto del Liceo e non pensate neppure che sia un capriccio od un dispetto. Se ve la chiede è perché le serve per passare quel casso di codice a barre che, come molti pensano, non serve solo per la detrazione fiscale (sai a me cosa me ne frega), ma per registrare le ricette della mutua.

7. Evitate di spiegare alla Farmacista cosa deve fare perché lavora li da quasi 12 anni ed anche se fosse qualche mesetto di meno magari lo sa che deve staccare le fustelle e bippare i codicilli, cheddite? Evitate anche di dirle che deve timbrare la ricetta e metterci il prezzo perché, forse non lo sapete, ma all’Università, se l’è menato non poco con due esamoni spaccamaroni chiamati “Tecnica e Legislazione Farmaceutica” con l’allegra parentesi dell’Esame di Stato per l’abilitazione Professionale e magari lo ha letto da qualche parte, così, di straforo.
Evitate  di dirle “E veda di scrivere bene il prezzo sul timbro che si legga!” perché potreste rischiare di avere il medesimo timbro infilato proprio lì. Evitate anche  di suggerirle  che cos’è un farmaco e a cosa serve perché magari sa anche questo…”Avete l’arnica 5CH granuli? Sa, è un prodotto omeopatico, sono dei tubetti di granulini.”
“Lo so Signora, grazie.” E non te li infilerei neanche in quel buchetto li perché son talmente piccoli che non ci sarebbe proprio alcuna soddisfazione.

8. Se la Farmacista vi dice che la ricetta è scaduta che vale solo un mese oppure che serve per acquistare un determinato farmaco perché è un Non Ripetibile, evitate di discutere o di contraddirla con un irritante “Ma la ricetta non serve!”, perché non è che si è svegliata alla mattina ed ha deciso che l’avrebbe menata proprio a voi decidendo di farvi un dispetto, ma se ve lo dice è perché è proprio vero, si si.

9. Se la Farmacista vi chiede:”Vuole i farmaci originali od i generici, Signora?”
“I generici.”
“I generici?” la regola d’oro è ripetere almeno sempre due volte la domanda…
“I generici!”
“I generici signora, gli equivalenti, non quelli originali che pagano la differenza?” attirando sguardi quasi di tenerezza perché sembri proprio rincoglionita…
Non aspettate che abbia staccato tutte le fustelle e passato tutto al computer per esclamare .”E questi cosa sonooo??!!”con fare inorridito.
“I generici signora.”
“Ma io NON voglio i generici, assolutamente, voglio gli originaliii!!”
“Le ho chiesto se voleva gli originali od i generici e lei mi ha risposto i generici, signora.”
“Ah, non mi ha capito.”…
“No, non l’ho capita…”

10. Se assumete farmaci generici, non fissatevi sul colore delle scatoline, ma memorizzate se possibile il nome.
“Prende il generico signora?”
“Si.”
Glielo porti.
“Ahhh no, il mio ha la scatola blu!”
“Io ho questa rossa…ma è uguale, lei deve vedere il nome del principio attivo…vede? Stesso nome, stesso dosaggio, stesso numero di pastiglie…”.
“Sarà come dice lei, ma il mio non è uguale, quella scatola lì non è come la mia!”
“Allora, la prossima volta si porti dietro la sua di scatolina così se non ce l’ho glielo ordino, eh? Tutto blu come piace a lei, va bene signora??”

11. Evitate anche di discutere sull’originalità o no del prodotto.
“Ah, ma io non prendo assolutamente generici, il mio medico è contrarissimo!!”
“Si, peccato che il suo medico le abbia prescritto tre generici senza dirglielo…lei li ha sempre presi senza sapere che lo fossero.”
“Ahhh, ma questo non è un generico…è sicura??”

12. Evitate cortesemente di chiedere:” Le devo?!” senza dar neanche il tempo di posare quelle 300 scatolette. Non essendo Wonder Woman né la Donna Bionica, la farmacista avrà bisogno di un paio di minuti o giù di lì.
Evitate di ripetere nuovamente “Quanto le devo??” un picosecondo dopo perché potreste vincere la testata del punto 2.

Leggete attentamente questo schemiddo e se vi riconoscete nella signora evitate di venire nella mia Farmacia, grazie. Siamo sufficientemente dotate dell’articolo.

E buone Feste a tutti…quasi.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...